covid19

Ultimi contenuti per il percorso 'covid19'

Il vaccino pensato a Oxford e prodotto dalla multinazionale AstraZeneca protegge fino a dodici settimane dopo la prima dose e, nei due terzi dei casi, ferma il virus rendendo la persona vaccinata non più contagiosa. La notizia, che proviene da uno studio anticipato dalla rivista “Lancet”, al quale hanno collaborato università di tutto il mondo, tra le quali anche quella di Siena, occupa le prime pagine di tutti i quotidiani questa mattina. 

L'Ospedale Santa Maria Nuova di Firenze compie un significativo passo avanti nella cura dei pazienti ricoverati e nell'organizzazione del lavoro di medici e infermieri grazie a un innovativo sistema di monitoraggio telematico dei parametri vitali, oggetto di una duplice donazione da parte di Fondazione CR Firenze e Fondazione Santa Maria Nuova Onlus.

Sono 551 i positivi in più rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 772 (6 in meno rispetto a ieri, meno 0,8%), 109 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri). Oggi si registrano 21 nuovi decessi: 10 uomini e 11 donne con un'età media di 80,9 anni. Alle 12 di oggi sono state effettuate complessivamente 130.457 vaccinazioni

“Da un mese siamo alle prese con la nuova mutazione del virus. Se dopo il picco di giugno, con 40 pazienti Covid ricoverati al giorno, quello di 62 ricoverati di settembre era sembrato alto, in questi giorni si continua a battere ogni record e si è a 154, con 6 morti in solo un giorno. E il sistema sanitario è collassato in tutta la regione”.

Sono 373 i nuovi casi toscani di Covid-19 emersi nelle ultime ventiquattro ore: 370 confermati con tampone molecolare e tre con test rapido antigenico (144 nell'Asl Centro, 156 nella Nord Ovest, 73 nella Sud est). I positivi verificati in tutta la regione da quando un anno fa, a fine gennaio 2020, è iniziata l’emergenza sanitaria salgono dunque a 134.829; ma solo 9.287 (l’1,2 per cento in più rispetto a ieri). ln sono in questo momento:  121.330, il 90 per cento, sono nel frattempo guariti e 4.217 deceduti