covid19

Ultimi contenuti per il percorso 'covid19'

"Quotidianamente assistiamo alla testimonianza di coraggio e di sacrificio degli operatori sanitari, in particolare delle infermiere e degli infermieri, che con professionalità, abnegazione, senso di responsabilità e amore per il prossimo assistono le persone affette dal virus, anche a rischio della propria salute”. Lo scrive Papa Francesco nel suo messaggio in occasione della Giornata internazionale dell’infermiere, che ricorre oggi.

Il primo Mistero della Gioia ci presenta la “scena incantevole” dell’Annunciazione: “L’angelo porta a Maria la più bella e impegnativa notizia, e Maria risponde con tanta umiltà. Da questo momento, Maria diventa la più grande collaboratrice di Dio nell’opera di salvezza”. Così il card. Angelo Comastri, arciprete della basilica vaticana, ha iniziato la recita del Rosario, dopo quella del Regina Coeli, trasmesse entrambe in diretta streaming dalla basilica di San Pietro.

“Per la scuola, dopo l’emergenza Covid-19, non possiamo utilizzare il verbo ripartire, ma quello continuare, perché noi la scuola non abbiamo mai smesso di farla”. Così la presidente nazionale Fidae (Federazione scuole paritarie cattoliche), Virginia Kaladich, ha iniziato il webinar di presentazione della campagna #vogliamofarescuola, un progetto che ha l’ambizione di costruire un Manifesto per la scuola del futuro con l’apporto di tutti i soggetti e le realtà che vorranno partecipare e portare il proprio contributo nelle prossime settimane.

“Oggi si celebra la Giornata mondiale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. Preghiamo per le persone che lavorano in queste benemerite istituzioni: che il Signore benedica il loro lavoro che fa tanto bene”. Così il Papa ha introdotto la messa trasmessa in diretta streaming da Santa Marta e offerta per tutti coloro che soffrono a causa del coronavirus.

“Preghiamo oggi per gli uomini e le donne che lavorano nei mezzi di comunicazione. In questo tempo di pandemia rischiano tanto e il lavoro è tanto. Che il Signore li aiuti in questo lavoro di trasmissione, sempre, della verità”. È la preghiera di introduzione del Papa, nella messa trasmessa in diretta da Santa Marta e offerta per tutti coloro che soffrono a causa del coronavirus.

Continua l’itinerario delle ultra maratone virtuali in tempi di Coronavirus. Dopo la 50 km di Romagna sarà infatti il turno della Firenze-Faenza, originariamente in programma il 23-24 maggio 2020 e annullata lo scorso mese causa scoppio pandemia Covid-19. L’associazione 100 km del Passatore è lieta di annunciare l’iniziativa del gruppo Facebook 100 Km di Passione che propone, nel rispetto delle norme e dei decreti nazionali e regionali vigenti, una versione “ognuno a casa sua” da ‘disputare’ il 23-24 maggio.

 

“Preghiamo oggi per i defunti che sono morti per la pandemia. Sono morti da soli, sono morti senza la carezza dei loro cari, tanti di loro, neppure con il funerale. Il Signore li riceva nella gloria”. Così il Papa ha cominciato la messa trasmessa in diretta streaming da Santa Marta e offerta per tutti coloro che soffrono a causa del coronavirus.