covid19

Ultimi contenuti per il percorso 'covid19'

Santa Maria Annunziata, ha aperto ieri il nuovo reparto Covid Medicina F. Salgono a 76 i posti letto. Da oggi pomeriggio altri 4 posti intensivi. La terapia intensiva No Covid recuperata in sala operatoria, ma chiudono anche sospesa anche l'attività di specialistica ambulatoriale ad eccezione delle prestazioni urgenti e oncologiche oltre a quelle individuate come indispensabili dallo specialista ambulatoriale 

Nella prima domenica della “zona rossa” in Toscana, monsignor Nerbini ha voluto celebrare la Messa nella cappella dell’ospedale, pregando così per tutti i malati e per quanti – medici, infermieri, oss, personale amministrativo – sono impegnati sulla prima linea del Covid e delle altre patologie 

In Toscana sono 79.403 i casi di positività al Coronavirus, 2.653 in più rispetto a ieri (1.870 identificati in corso di tracciamento e 783 da attività di screening). I nuovi casi sono il 3,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 5,7% e raggiungono quota 25.216 (31,8% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.331.924, 18.737 in più rispetto a ieri. Sono 8.496 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 31,2% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 2.007 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 52.308, +2,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 2.008 (63 in più rispetto a ieri), di cui 274 in terapia intensiva (8 in più). Oggi si registrano 44 nuovi decessi: 26 uomini e 18 donne con un'età media di 84,7 anni. Le persone decedute sono: 17 a Firenze, 4 a Prato, 8 a Pistoia, 4 a Massa Carrara, 1 a Lucca, 5 a Pisa, 3 a Livorno, 2 a Arezzo.

Da oggi sono chiusi in Toscana 22.500 ristoranti, pizzerie e bar e 3.200 agriturismi che effettuano attività di ristorazione e degustazione, con una perdita di fatturato mensile di almeno 700 milioni di euro ed un drammatico effetto a valanga sull’intera filiera per il mancato acquisto di alimenti e vino. E’ quanto emerge da una analisi di Coldiretti Toscana, in occasione dell’entrata in vigore dell’Ordinanza del Ministero della Salute che ha inserito la Toscana in zona rossa, classificata come regione ad alto rischio

"Questa sera da Roma le autorità governative mi hanno comunicato la decisione del Comitato Tecnico Scientifico per la zona rossa in Toscana. Esprimo sorpresa e amarezza perché i dati su cui è fondata sono quelli della settimana 1-8 Novembre". Il presidente della Toscana Eugenio Giani commenta così su Facebook la decisione di declassare la Toscana

“Accogliamo con soddisfazione la notizia che il nostro cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti ha lasciato il reparto di Terapia intensiva Covid 2, per essere nuovamente curato presso la struttura di Medicina d’Urgenza Covid 1 dell’Ospedale ‘Santa Maria della Misericordia di Perugia’ dove era stato ricoverato lo scorso 31 ottobre”. A dirlo, nel comunicare la notizia alla comunità diocesana perugino-pievese, è il vescovo ausiliare mons. Marco Salvi, ancora positivo asintomatico al Covid-19. 

“La pandemia da Covid-19 rischia di aumentare i tassi di povertà e le disuguaglianze specie tra i minorenni, incidendo inevitabilmente sulle fasce più deboli della popolazione. L’Italia resta tuttavia uno dei Paesi in prima linea nel contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Attraverso il programma europeo Child Guarantee, Unicef e Commissione europea supporteranno il Governo italiano in questa battaglia”: lo dichiara Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef Italia.