Scienza e tecnica

Ultimi contenuti per il percorso 'Scienza e tecnica'

L’accesso all’acqua è un problema di giustizia per gli uomini, dato che tutti viviamo sotto lo stesso cielo. Lo ha ricordato Papa Francesco incontrando in Vaticano i partecipanti alla quindicesima scuola estiva di astronomia della Specola Vaticana di Castel Gandolfo, dedicata allo studio dell’acqua nel sistema solare e altrove. Il corso, organizzato dai padri gesuiti che gestiscono l’Osservatorio Vaticano, fondato 125 anni fa da Papa Leone XIII, frequentato da giovani astronomi provenienti da tutto il mondo, ha sottolineato il Pontefice, mostra che il desiderio di comprendere l’universo, creato da Dio, e il nostro posto in esso, è comune a uomini e donne che vivono in contesti culturali e religiosi assai differenti.

L’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, attraverso la Fondazione Meyer, e Google for Work, attraverso il Premier Partner Noovle, stringono un accordo strategico per la creazione di un Laboratorio sull'innovazione, i cui obiettivi vanno dall’accrescimento delle conoscenze tecnico-scientifiche, a un percorso di digital transformation a supporto dell’aggiornamento tecnologico del Meyer, sino allo sviluppo della didattica che il Meyer Health Campus realizzerà a partire dal 2017 nell’ambito della formazione pediatrica.

Sono più di 300, quest’anno, gli studenti delle scuole superiori toscane che da domani e fino al 16 marzo potranno conoscere dal vivo come funzionano le ricerche dei fisici del CERN nelle università di Firenze e Pisa, grazie all’iniziativa Masterclass, coordinata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). I ragazzi verranno accompagnati dai ricercatori in un viaggio nelle proprietà delle particelle ed esploreranno i segreti di LHC (Large Hadron Collider), dove nel luglio 2012 è stato scoperto l’ormai celebre bosone di Higgs.

A 100 anni dalla previsione di Albert Einstein, grazie alle misure effettuate nello scorso settembre con gli interferometri gemelli LIGO, è stato possibile osservare le onde gravitazionali prodotte dalla collisione di due buchi neri. I risultati dell'importante ricerca sono stati pubblicati oggi. La scoperta annunciata con due conferenze stampa simultanee a Washington e a Cascina di Pisa, nella sede di Ego, dove si trova l’interferometro VIRGO.