Servizi

Ultimi contenuti per il percorso 'Servizi'

Si allarga la platea dei soggetti vulnerabili che possono accedere al servizio SOS Spesa di consegna della spesa a domicilio in Toscana. Il servizio è organizzato dalle associazioni di volontariato Esculapio, Croce Rossa, Anpas e Misericordia, in collaborazione con Unicoop Firenze ed è attivo nei Comuni delle province di Arezzo, Firenze, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato e Siena. Oltre agli ultra sessantacinquenni che hanno difficoltà a recarsi nei supermercati per la spesa, da domani, 30 novembre, potranno farsi consegnare la spesa a domicilio anche coloro che sono a casa in quarantena.

L'Isola d'Elba è la più grande dell'arcipelago toscano, abitata sin dalla preistoria, è stata sfruttata ampiamente dagli Etruschi per le sue grandissime riserve di ferro e per la sua posizione strategica. Da sempre è considerata una splendida meta turistica per le sue spiagge, i golfi e le scogliere, i fondali bassi e le acque assolutamente cristalline.

Più povertà, forte rischio di dispersione scolastica per i più piccoli, situazione complessa per le persone fragili e gli anziani che hanno subito più di altri la quarantena relazionale e aumento delle disuguaglianze. Sono le conseguenze sociali ed economiche della pandemia già evidenti nelle fasce più deboli della popolazioni. 

Regione, Anci, sindacati e volontariato firmano un protocollo d’intesaper servizio spesa e consegna a domicilio a sostegno di cittadini con oltre 70 anni in condizioni di fragilità o persone con gravi disabilità o patologie. Il servizio, che prevede l’attivazione del numero unico regionale 800 117 744, sarà operativo da lunedì 27 aprile, per tutta la durata del periodo emergenziale Covid-19.

Oggi, lunedì 23 marzo, in memoria di Marlène, moglie dell'avvocato Paolo Fresco, presidente delle Fondazioni Paolo e Marlène Fresco Onlus e Fresco Parkinson Institute Italia Onlus, viene simbolicamente inaugurata a Cintoia, la casa vacanze che accoglierà in estate i piccoli ospiti di Casa Bambini, il servizio socio-educativo residenziale dell’Istituto degli Innocenti.

Regione, Anci Toscana, piccoli Comuni e operatori. Tutti seduti attorno ad uno stesso tavolo per capire come risolvere, il più velocemente possibile, il problema del cellulare che in molte parti di troppi paesi non prende e dove è impossibile navigare su internet dal mobile ma anche semplicemente telefonare. Aree dove gli abitanti sono pochi, gli impianti rarefatti e dove investire non costituisce per i gestori una priorità.