Spettacoli

Ultimi contenuti per il percorso 'Spettacoli'

Clint Eastwood continua a rappresentare un’America marginale, di potenziali perdenti, spesso alle prese con situazioni troppo più grandi di loro da cui comunque riescono a uscire con dignità e una buona dose di grinta.

È singolare, ma anche prevedibile, che mentre Gianni Amelio continua a insistere sul fatto che «Hammamet» non sia un film su Bettino Craxi, qualunque dibattito, qualunque opinione, qualunque esternazione sul film vertano unicamente sul fatto che Craxi fosse o meno colpevole, sulla possibilità che il film stesso induca qualcuno a cambiare idea, su Mani Pulite, su quanti episodi del film siano storicamente fondati e quanti invece inventati e via discorrendo.

La scommessa di Matteo Garrone nel mettere mano a Pinocchio è stata quella di uscire dai confini in qualche modo ristretti della fiaba e di riportare il testo di Collodi a un’idea di realismo che rendesse giustizia alle finalità dell’autore letterario e allo stile di quello cinematografico.

Dopo aver appassionato oltre 4 milioni di spettatori solo in Italia, «Notre Dame de Paris», tra i più apprezzati spettacoli teatrali mai realizzati, tratto dall’omonimo romanzo di Victor Hugo, torna a far sognare il pubblico fiorentino: ben sette gli appuntamenti in programma da mercoledì 27 novembre a domenica primo dicembre al Mandela Forum, tutte le sere alle 21, mentre sabato 30 e domenica si raddoppia con repliche anche al pomeriggio (ore 16).
I biglietti – posti numerati da 31 a 91 euro – sono disponibili nei punti vendita di Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it .

«Oggi voglio andare al mare, anche se non è beeello». Quante volte abbiamo sentito in radio questo ritornello: e adesso il tormentone di Coez arriva a Firenze. A pochi mesi dall’uscita del nuovo album «È sempre bello» (Carosello Records) approda giovedì 7 novembre (ore 21) al Mandela Forum, per uno dei concerti più attesi della stagione indoor. Portavoce della sua generazione e simbolo del nuovo cantautorato italiano, Coez (vero nome: Silvano Albanese) propone due ore di musica.