Cinema

Ultimi contenuti per il percorso 'Cinema'

Sul ritorno nella natia Sicilia, nel 1920, di Luigi Pirandello, si erano già soffermati nel 1984 i fratelli Taviani in uno degli episodi di «Kaos»: nella loro versione il drammaturgo, interpretato da un solenne Omero Antonutti, si confrontava coi fantasmi del passato, in primis quello della madre, per un bilancio sulle storie raccontate e, soprattutto, quelle mai raccontate.

La carenza di risorse idriche è un problema ormai indifferibile. L’intero pianeta ha sempre più sete, sterminate regioni sono attraversate da distese di terra arida, i fiumi sono prosciugati, gli uomini allo stremo della sopportazione. Una situazione drammatica che è quasi completamente sparita dai mass media, soffocati dalle notizie sulle guerre e le pandemie.

«Il Padre vostro […] fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti» – ma alle volte li lascia anche all’asciutto; così verrebbe da chiosare, con un richiamo evangelico, il tema dell’ultimo film di Paolo Virzì che si avventura in un territorio narrativo poco frequentato dal cinema italiano (bisogna risalire a Marco Ferreri per trovare qualcosa di affine): l’allegoria distopica.