Musica

Ultimi contenuti per il percorso 'Musica'

«Lui vi sarà una strada maestra e la chiameranno “via santa”» (Isaia, 35,8). Parole scritte nel destino di Bach verso la sua ultima stazione. Dopo il suo peregrinare, da Eisenach a Ohrdruf, e poi Lüneburg, Arnstadt, Mühlhausen, Weimar e Köthen, eccoci finalmente arrivati alla meta finale del suo percorso, quello che segna l’età matura e con essa la fine delle peregrinazioni. Lipsia, la città dei tigli (Linde, Lipa, Leipzig) accoglie il viandante Bach fra i suoi 29.000 abitanti, tanti ne erano in quel 1723.

Con il primo libro del Clavicembalo ben temperato (1722), cui si aggiungono altre composizioni per cembalo come il Klavierbüchlein per Anna Magdalena, nonché le mirabili Suites Inglesi e Suites Francesi, oltre agli straordinari otto Concerti per tastiera, archi e continuo, finisce il tempo di Köthen (1717-1723).

La Cappella musicale pontificia viene inserita nell’Ufficio delle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice, «quale specifico luogo di servizio alle funzioni liturgiche papali e nel contempo a custodia e promozione della prestigiosa eredità artistico-musicale prodotta nei secoli dalla Cappella stessa per le solenni liturgie dei pontefici». Lo dispone Papa Francesco con un Motu proprio, diffuso oggi dalla Sala stampa vaticana. 

Bach dà tutto se stesso per l’educazione dei figli. Il più grande didatta della storia li cresce a suon di musica. E per loro Bach dedica alla tastiera (la traduzione del titolo è un errore storico da quel Das Wohltemperierte Klavier, che vuol dire La tastiera ben temperata) uno dei più grandi monumenti musicali, che riunisce in sé molti aspetti

La Città Metropolitana di Firenze ha assegnato alla Fondazione Maggio Musicale Fiorentino un contributo di 1.400.000,00 Euro per la realizzazione del progetto del «Maggio Metropolitano», edizione 2019. «Un'iniziativa di altissimo profilo - commenta il sindaco Dario Nardella - con professionisti della musica che costruiscono un ponte con le diverse realtà locali, grazie a un programma diffuso sul territorio metropolitano fiorentino che tocca ciascuno dei nostri comuni».

De Andrè non ha mai corteggiato le mode, è andato spesso controcorrente, anche quando si è trattato di sfidare la mitologia imperante della contestazione studentesca e il mito pseudo-salvifico della violenza purificatrice. È stato un poeta in musica, questo è sicuro, che ha avuto il grande merito di avvicinare i giovani alla poesia e di far loro capire che la letteratura non è estranea alla vita, ma anzi, sa tradurre ciò che ci sembra inesprimibile in parole umane. 

Oggi, 10 gennaio alle 20, va in scena al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Der fliegende Holländer, che vede il maestro Fabio Luisi dirigere per la prima volta in Italia un'opera di Wagner.  L'opera (repliche il 13 gennaio  ore 15:30; 15 e 17 gennaio ore 20), in un nuovo allestimento del Maggio Musicale Fiorentino, ha la regia firmata dallo scozzese Paul Curran e le scene di Valerio Santoliquido.

Video spot di 30 secondi realizzati da artisti under 35 residenti in Toscana. Questa la formula di «I Will!», il concorso per il miglior video dedicato al volontariato, alla solidarietà e all'altruismo, promosso da Fondazione Arezzo Wave Italia, con il contributo di Regione Toscana - Giovanisì in accordo con il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e con la collaborazione di Cesvot.

Oratorio di Natale BWV 248, è una delle più celebri composizioni sacre di Bach. Si tratta di un ciclo di sei cantate per il periodo natalizio, composte nel 1734 e ascoltate per la prima volta a Lipsia nelle chiese di San Tommaso e di San Nicola, dal carattere comunque unitario.