Sport

Ultimi contenuti per il percorso 'Sport'

Quattro giornate, tra marzo e aprile, da vivere sulla neve, nello splendido comprensorio sciistico dell'Abetone, all'insegna del divertimento, della crescita, dell'integrazione rivolta alle persone con disabilità. L'edizione numero 4 di «Sport per Tutti sulla Neve», organizzata dalla Provincia di Pistoia e dall'Ufficio Scolastico regionale grazie anche al sostegno della Regione, è stata presentata oggi a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze.

Appuntamento a Cernusco sul Naviglio. Il presidente del Csi, Massimo Achini, ha dettato le linee guida: «Questo incontro è una sfida, un sogno, una festa, una ricerca di idee per uno sport migliore». Una grande partecipazione di ospiti illustri. Atleti in prima fila. Testimonianze significative dal mondo della disabilità che sa mettersi in gioco.

Al via oggi la «maratona» promossa dal Centro sportivo italiano. La «24 ore di idee per lo sport» si svolgerà dalle ore 11 di oggi alle ore 12 di domani, all'Oratorio Sacer di via delle Marcelline 33 a Cernusco sul Naviglio (Milano).

Il pugile Angelo Ardito, il paracanoista Pier Alberto Buccoliero, i nuotatori Gabriele Detti e Chiara Masini Luccetti, la fiorettista Martina Batini, la pattinatrice Giada Cavataio, il maratoneta Daniele Meucci, il velista Ettore Botticini, il coach di basket Paolo Moretti e la squadra di volley femminile de Il Bisonte Firenze. Sono questi i 10 finalisti del Pegaso per lo sport 2015, quelli tra i quali i presidente della Regione Enrico Rossi, nella cerimonia di premiazione di lunedì 26 gennaio, sceglierà l'atleta toscano dell'anno.

Nove atleti (6 uomini e 3 donne) e una squadra. Passa da 18 a 10 la rosa dei candidati al Pegaso per lo sport 2015. Ad annunciarlo oggi la vicepresidente Stefania Saccardi insieme ai presidenti di Coni Toscana Salvatore Sanzo, CIP (Comitato Italiano Paralimpico) Toscana Massimo Porciani e Gruppo toscano giornalisti sportivi Ussi Franco Morabito.

«Ogni evento sportivo, soprattutto quello olimpico, dove si confrontano rappresentanti di nazioni con storie, culture, tradizioni, fedi e valori diversi, può diventare tramite di una forza ideale capace di aprire vie nuove, a volte insperate, nel superamento di conflitti causati dalla violazione dei diritti umani». Lo ha detto oggi Papa Francesco, ricevendo una delegazione del Coni.

«Da sempre lo sport ha favorito un universalismo caratterizzato da fraternità e amicizia tra i popoli, concordia e pace tra le nazioni; da rispetto, tolleranza, armonia delle diversità».
Incontrando in Vaticano i dirigenti e gli atleti del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Papa Francesco ha rimarcato che lo sport può essere un valido mezzo per superare i “conflitti causati dalla violazione dei diritti umani”, oltre a invitare le persone a superare i propri limiti, mettendo in campo fatica e sacrificio.

Hanno preso il via in questo periodo, negli 11 comitati territoriali, le attività dell’associazione che in quest’anno sociale 2014-2015 festeggia il 70° di fondazione. Intervista al presidente regionale Carlo Faraci. Le principali iniziative a livello regionale.