Calcio

Ultimi contenuti per il percorso 'Calcio'

L'autopsia sul corpo di Davide Astori, il capitano della Fiorentina scomparso improvvisamente, sarà eseguita domani. Lo rendono noto la Fiorentina assieme alla famiglia del giocatore. Il corpo di Astori poi tornerà a Firenze mercoledì dove, a Coverciano, sarà allestita la camera ardente per l'ultimo saluto al capitano viola.

«Davide era un ragazzo bravo, meraviglioso, una persona umile e gentile, di uno stile unico. Una persona rara, non solamente nel mondo del calcio ma in questa società». Don Massimiliano Gabbricci, cappellano della Fiorentina (oltre che della Nazionale di calcio), ricorda così il capitano della squadra viola, morto a Udine durante la notte tra sabato e domenica.

Grande tristezza e dolore per l’improvvisa morte a 31 anni, del capitano della Fiorentina, Davide Astori, avvenuta in nottata in un albergo di Udine, dove si trovava in ritiro. L’Arcivescovo di Firenze, il card. Giuseppe Betori, che lo aveva incontrato di recente con il resto della squadra, ha subito espresso il cordoglio e la partecipazione al dolore della famiglia e dei suoi compagni di squadra.

Torna il campionato di calcio a 5 delle Misericordie della Toscana, arrivato alla sua quarta edizione e organizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano regionale. Sono aperte fino al 20 gennaio prossimo le iscrizioni al torneo, riservato ai volontari che prestano servizio nelle Misericordie della regione e che si avvarrà del sostegno del CSI per quanto riguarda la parte organizzativa.

Sorelle e fratelli d’Italia, finalmente il nostro Inno nazionale è ufficiale. Dopo 70 anni di sano precariato, di stage, di prova, di apprendistato, di «ci ha ben impressionato, le faremo sapere», di attentati continui all’autostima («l’Inno di Mameli? Bah, c’è di meglio»), è stato assunto con contratto a tempo indeterminato proprio all’indomani della Grande Disfatta.

Lo scorso 23 agosto, in occasione della presentazione della squadra di calcio della «Lucchese», il  vescovo di Lucca, mons. Italo Castellani era caduto in un tranello, accettando di posare in una foto con alcuni tifosi che non conosceva. Certo non si aspettava che alcuni di loro, al momento dello scatto, avrebbero alzato il braccio destro nel tipico saluto fascista. La foto era poi  stata postata su facebook e da lì era divampata una polemica, tipica di questo tipo di social. Sulla vicenda è intervenuta la Diocesi di Lucca con un comunicato che pubblichiamo integralmente.

Il presidente del Prato calcio, Paolo Toccafondi è stato interdetto dall'esercizio dell'attività di amministrazione della società. Ai domiciliari sono finiti il presidente della Sestese, Filippo Giusti e il procuratore sportivo Filippo Pacini. Mentre, una signora ivoriana è stata portata in carcere. Questo l'esito di un'inchiesta della procura di Prato su un traffico di calciatori africani minorenni.

Testimoniare gli autentici valori dello sport. E’ stato questo l’importante compito al quale Papa Francesco ha richiamato i giocatori di Lazio e Juventus, ricevuti in Vaticano, alla vigilia della finale di Coppa Italia prevista allo stadio Olimpico di Roma. Ricordando per entrambe gli “ottimi risultati” raggiunti e l’amore per questi colori da parte di molti sportivi, il Pontefice ha invitato alla responsabilità nei confronti delle giovani generazioni che guardano con ammirazione i loro campioni. L’invito del Papa è stato di impegnarsi per far sì che lo sport sia un puro divertimento, un “motivo di coesione tra gli sportivi” e l’intera società, nonostante gli episodi di violenza che a volte si verificano...