Grosseto

Ultimi contenuti per il percorso 'Grosseto'

Il vescovo Rodolfo è intervenuto, questa mattina, alla cerimonia con cui il Comune di Grosseto ha intitolato il parco giochi che si affaccia su via De Nicola, nel quartiere Gorarella, a Giorgio La Pira, politico, costituente, sindaco di Firenze, ma prima di tutto laico che ha testimoniato con la vita la sua fede cristiana.

Donare cibo a chi oggi è in difficoltà, o perché ha perso il lavoro o perché la crisi causata dell’emergenza epidemiologica ha ridotto le possibilità di sostentamento, è il modo più concreto per celebrare e dare un significato alla Giornata della solidarietà umana e anche in questa occasione  ASeS, la Ong della Confederazione Italiana Agricoltori, si è fatta carico di questo bisogno attivandosi per rispondere ad una necessità, quella di nutrirsi, che non può attendere. A collaborare con ASeS-Cia la Caritas di Grosseto che ha dato un supporto e un sostegno per individuare chi saranno i beneficiari.    

“Per la mezzanotte del 24 dicembre programmate un bel doppio di campane a festa! Il Natale non è certo legato a orari, ma il suono festoso delle campane a quell’ora è un bel segno, che non va lasciato cadere nel silenzio (nemmeno per una volta come per questo anno così particolare!)”. E’ l’invito che il vescovo Rodolfo ha rivolto ai parroci per le festività natalizie.

È uscito in questi giorni “Sei maremmano se dici”, il libro dedicato ai detti, ai proverbi alle parole e alle abitudini di chi vive in Maremma. Edito da IlGiunco.net e curato dal giornalista di Toscana Oggi Giacomo D'Onofrio, il libro nasce dall'esperienza della rubrica che ogni settimana, da ormai due anni, viene pubblicata sul quotidiano della Maremma. Il progetto grafico e la stampa sono stati curati da Toscana Oggi.

La parrocchia del SS.Crocifisso apre l’anno giubilare per il cinquantesimo dalla consacrazione della chiesa. Il rito, infatti, si tenne il 12 dicembre 1971. Per questo, domani sabato 12 dicembre, il parroco don Roberto Nelli, che in questa parrocchia appena eretta mosse i primi passi da sacerdote (aveva 23 anni) e vi è ritornato a settembre come suo nuovo pastore, annuncerà ufficialmente alla comunità l’apertura di questo anno, che conduce al cinquantesimo della dedicazione.

Inizio, attesa, vigilanza. Sono le parole che il vescovo Rodolfo ha consegnato ai giovani e a tutta la Diocesi di Grosseto nella Messa che ha aperto il tempo di Avvento. Nella fase in cui tutte le iniziative in presenza sono sospese, i giovani si sono dati appuntamento nella cattedrale di San Lorenzo per vivere con il Vescovo l'inizio del tempo che prepara al Natale.