Loppiano

Ultimi contenuti per il percorso 'Loppiano'

Accoglienza, fraternità, dialogo: sono le tre parole che hanno fatto da «filo rosso» nella visita pastorale di Papa Francesco a Nomadelfia e Loppiano. Due comunità caratterizzate da «un clima di famiglia» a cui il successore di Pietro ha reso omaggio, insieme ai suoi due fondatori - don Zeno Saltini e Chiara Lubich - per i quali è in corso il processo di beatificazione.

«A Loppiano tutti si sentono a casa!», ha esclamato il Papa, salutando la cittadella internazionale del Movimento dei Focolari, seconda tappa della sua visita a Nomadelfia e Loppiano. Rispondendo a tre domande che gli erano state poste, Francesco ha indicato due parole chiave del cammino della comunità: «Parresia e hypomoné» (testo integrale).

Visita giovedì 10 maggio di Papa Francesco a Loppiano, cittadella del Movimento dei Focolari. Due ore, dalle 10 alle 12. Un dialogo serrato con domande e risposte. E una preghiera nel «Santuario Maria Theotokos». «Quando abbiamo saputo che il Papa veniva a Loppiano - confidano i focolarini - la prima cosa che ci siamo detti è che avrebbe dovuto trovare tra noi una famiglia che vive l'amore reciproco. Questo è stato il nostro programma fin dall'inizio».

Grande attesa in Toscana per la visita di Papa Francesco che giovedì 10 maggio sarà prima a Nomadelfia, la comunità fondata da don Zeno Saltini, e poi a Loppiano, la «Mariapoli» del movimento dei Focolari fondato da Chiara Lubich. Lettori e abbonati di Toscana Oggi hanno ricevuto in omaggio un fascicolo speciale di 32 pagine a colori.

«Essere ovunque artefici di pace e di speranza», è l'augurio che giunge da papa Francesco ai partecipanti al Genfest Italia, con l'incoraggiamento «ad attingere sempre nuova luce da Gesù e dal Vangelo, per camminare uniti e gioiosi sulle strade della condivisione e della solidarietà, mostrando a tutti la bellezza del vivere in comunione».

Dopo l’inaugurazione della Cattedra ecumenica internazionale Patriarca Athenagoras-Chiara Lubich avvenuta lo scorso 14 dicembre all’Istituto universitario Sophia di Loppiano, i lavori entrano ora nel vivo con un ciclo di lezioni dal 5 al 27 marzo su «L’ecclesiologia della Chiesa ortodossa». Sono co-titolari Maximos Vgenopoulos, metropolita di Selyvria, e Piero Coda.

«La Vita consacrata in Toscana in ascolto e dialogo con i suoi Pastori». È questo il titolo della giornata che si è svolta a Loppiano lunedì 19 febbraio. Durante l’incontro il vescovo di Fiesole Mario Meini, vicepresidente della Cei, ha tenuto una relazione su «Il ruolo profetico della vita consacrata; interrogativi e punti di vista diversi». Pubblichiamo una sintesi del suo intervento.