Montepulciano

Ultimi contenuti per il percorso 'Montepulciano'

Un pomeriggio di sport, condivisione e festa. È quello in programma per oggi, sabato 10 luglio, dalle 14, presso i campini di Torrita stazione intitolati a don Giovanni Turchi, in occasione della “Pg Cup”, iniziativa promossa dall’Equipe di Pastorale giovanile e vocazionale e dalla Consulta di Pastorale giovanile della diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza.

È Valeria Crociata l’artista e designer che firma l’immagine-manifesto per il 46° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. L’opera è stata commissionata alla creativa di stanza a Milano dal nuovo direttore artistico della manifestazione Mauro Montalbetti. Si annunciano così ufficialmente anche le date della prossima edizione del Cantiere, in agenda dal 15 luglio all’1 agosto 2021.

Partendo dalle forme e dalle linee del logo originale, ideato diversi anni fa dall’ormai ex studente Giulio Benvenuti a seguito di un concorso, Matteo Maiani ha elaborando il vecchio logo restituendone un’immagine più moderna, pulita e accattivante. Matteo, per il restyling del logo, si è affidato alla sua passione per le arti grafiche, ha letto libri e seguito dei video tutorial su YouTube, mentre per il font utilizzato per la nuova versione, Matteo ne ha scelto uno che somiglia molto a Gotham, carattere inventato da un designer americano famoso, notato in una serie tv di Netflix.

Era in programma per domani sabato 21 novembre il secondo step del progetto “Alberi, non parole” che il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, in collaborazione con il Comune di Montepulciano, l’Usl Toscana Sud Est e della Giorgio Tesi Vivai tramite la Fondazione Giorgio Tesi Onlus, con la partnership tecnica dei Carabinieri Forestale Sezione di Montepulciano, aveva avviato lo scorso anno con la posa delle prime quattrocento piante.

La gara fra gli sbandieratori e i tamburini della categoria Junior, resa possibile grazie alla volontà del nuovo Magistrato della Contrade dei Montepulciano che ha voluto fortemente riproporre anche per quest’anno la gara, ha chiuso il primo weekend del Bravìo delle Botti 2020. L’impegno e la fatica di questi piccoli sbandieratori e tamburini ha dimostrato che il Bravìo non è solo competizione, ma anche e soprattutto socializzazione e amore verso la propria comunità.