Pisa

Ultimi contenuti per il percorso 'Pisa'

Il 10 luglio del 1500 l’esercito fiorentino, insieme a quello francese, assediava Pisa ma, grazie alla strenua resistenza dei pisani, si arrese e abbandonò la città. Di quel momento storico restano ancora oggi evidenti tracce sulle Mura di Pisa, nel tratto tra Porta Calcesana e Torre alle Piagge. Per rievocare quei fatti, a 520 anni di distanza, venerdì 10 luglio, a partire dalle ore 18.30, sul camminamento in quota delle mura cittadine, i “Balestrieri di Porta San Marco” in costumi d’epoca accompagneranno i visitatori nel racconto di quei giorni basandosi sul libro “Onore e Gloria” dello storico pisano Mario Chiaverini.

Presentato il programma di appuntamenti “Luglio culturale pisano: i libri riprendono la città” curato dal Comitato Le Piagge e Carmignani Editrice, con il patrocinio del Comune di Pisa. Le iniziative si svolgeranno tutte all’aperto, in spazi pubblici per garantire lo svolgimento in totale sicurezza e con il regolare distanziamento sociale.

Nel giorno che era stato fissato per la manifestazione finale del Giugno Pisano, si è tenuto un piccolo evento simbolico sul Ponte di Mezzo, per dare continuità alla tradizione del Gioco del Ponte. Una rappresentanza di ciascuna delle due parti del Gioco, Mezzogiorno e Tramontana, si sono incontrate attraverso i rispettivi ambasciatori per scambiarsi una dichiarazione di tregua, dandosi appuntamento all’anno prossimo.

Un museo “a prova di contagio” su oltre 5000 metri quadrati che racchiudono una tra le più vaste esposizioni dedicate alla navigazione antica al mondo, con più di 800 reperti, 47 sezioni, 8 aree tematiche e 7 imbarcazioni di epoca romana. A un anno esatto dalla sua inaugurazione e dopo la chiusura imposta dall’emergenza sanitaria, domani venerdì 19 giugno riapre al pubblico il Museo delle Navi Antiche di Pisa.

 La Giunta Comunale ha appena approvato il contest video “2020 L’anno sospeso”, presentato stamani in conferenza stampa dall’assessore alla cultura del Comune di Pisa, Pierpaolo Magnani. Sarà un concorso aperto a tutta la cittadinanza, finalizzato alla realizzazione di opere artistiche multimediali in formato audio-video, che mettano in luce “l'arte come riparazione” e costituiscano una memoria collettiva del momento "di sospensione" vissuto nella fase del lockdow e ancora in atto. Per gli artisti e professionisti della cultura è previsto inoltre un bonus di partecipazione.

La bellezza salverà il mondo. Con questa frase tratta dall'Idiota di Dostoevskij Pisa ha riaperto stamani ai visitatori i monumenti di Piazza dei Miracoli: Cattedrale, Battistero, Camposanto e Torre Pendente, oltre al Museo dell'Opera del Duomo. 

 Pisa intende riaprire in sicurezza e manda il messaggio al mondo intero di tornare a visitare le sue meraviglie. Il prossimo 30 maggio, infatti, la stessa Opera Primaziale ha annunciato la riapertura al pubblica della celebre piazza dei Miracoli, con i suoi monumenti patrimonio Unesco dell’umanità, Battistero, Cattedrale, Cimitero monumentale e, naturalmente, il celebre Campanile.