Pisa

Ultimi contenuti per il percorso 'Pisa'

Un museo “a prova di contagio” su oltre 5000 metri quadrati che racchiudono una tra le più vaste esposizioni dedicate alla navigazione antica al mondo, con più di 800 reperti, 47 sezioni, 8 aree tematiche e 7 imbarcazioni di epoca romana. A un anno esatto dalla sua inaugurazione e dopo la chiusura imposta dall’emergenza sanitaria, domani venerdì 19 giugno riapre al pubblico il Museo delle Navi Antiche di Pisa.

 La Giunta Comunale ha appena approvato il contest video “2020 L’anno sospeso”, presentato stamani in conferenza stampa dall’assessore alla cultura del Comune di Pisa, Pierpaolo Magnani. Sarà un concorso aperto a tutta la cittadinanza, finalizzato alla realizzazione di opere artistiche multimediali in formato audio-video, che mettano in luce “l'arte come riparazione” e costituiscano una memoria collettiva del momento "di sospensione" vissuto nella fase del lockdow e ancora in atto. Per gli artisti e professionisti della cultura è previsto inoltre un bonus di partecipazione.

La bellezza salverà il mondo. Con questa frase tratta dall'Idiota di Dostoevskij Pisa ha riaperto stamani ai visitatori i monumenti di Piazza dei Miracoli: Cattedrale, Battistero, Camposanto e Torre Pendente, oltre al Museo dell'Opera del Duomo. 

 Pisa intende riaprire in sicurezza e manda il messaggio al mondo intero di tornare a visitare le sue meraviglie. Il prossimo 30 maggio, infatti, la stessa Opera Primaziale ha annunciato la riapertura al pubblica della celebre piazza dei Miracoli, con i suoi monumenti patrimonio Unesco dell’umanità, Battistero, Cattedrale, Cimitero monumentale e, naturalmente, il celebre Campanile. 

Domani, mercoledì 22 aprile alle 21.25, la Piazza dei Miracoli di Pisa sarà protagonista della trasmissione di RaiUno, “Meraviglie. La penisola dei tesori”. Condotta da Alberto Angela, la trasmissione propone un viaggio alla scoperta dei luoghi che rendono l’Italia una vera e propria “penisola dei tesori”. Tesori che provengono dall’antichità, ma anche dal Medioevo e dal Rinascimento, e da tutte le epoche passate. Attraversare e conoscere l’Italia significa poter incontrare capolavori che provengono da ogni epoca, caratteristica che la rende unica al mondo.

Il Teatro Verdi di Pisa lancia una nuova iniziativa rivolta a tutti: la creazione di un Archivio Poetico della Pandemia con l’intento di raccogliere la voce dei cittadini pisani in un momento così strano e diverso dal solito, in cui ognuno è costretto a vivere la propria vita da un punto di vista insolito. Ma è proprio in momenti come questi che nascono le novità: nuove riflessioni, nuove prese di coscienza, nuove paure, malinconie, ma anche nuove visioni e nuove speranze per il futuro.