Pistoia

Ultimi contenuti per il percorso 'Pistoia'

Prendendo spunto dall'invito del vescovo Fausto Tardelli a occuparsi delle nuove povertà, anche quelle determinate dal Gap, il gruppo «Stili di vita», con il Ceis di Pistoia, l’Aiart di Pistoia, l’Associazione Libera, la campagna «Mettiamoci in gioco», ha promosso un corso di aggiornamento per insegnanti di religione, «Giocarsi la vita, vivere la vita».

Torna in scena, davanti a monsignor Fausto Tardelli Vescovo di Pistoia, il Coro Gospel Internazionale di Pistoia, fondato e diretto dal dottore di origine nigeriana Augustine Iroatulam, medico chirurgo dell’Ospedale San Jacopo. Domenica 9 aprile, con inizio alle 21 nella chiesa dello Spirito Santo, ecco il «Concerto di Pasqua», con accompagnamento d’organo di Don Umberto Pineschi.

L’annuale appuntamento regionale proposto da Azione cattolica, Meic e Fuci, si è tenuto domenica 19 marzo a Pistoia ed è stato dedicato alle responsabilità delle fedi in un continente in piena crisi. Le Chiese e le comunità religiose hanno il compito di essere antidoto efficace ad ogni tentazione di guerra, in qualsiasi forma essa si manifesti.

A quattro anni dal Convegno «Il Sogno di Julien Luchaire» il progetto di costituzione della Grande Biblioteca Virtuale Toscana di Francesistica, portato avanti dall’Associazione degli Amici dell’Istituto Francese di Firenze in accordo con l’Istituto e con il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, raggiunge il suo primo traguardo.

Pellegrinaggio con «Insieme per la Terra Santa». Da Nazareth a Gerusalemme. Quattro incontri: in una casa di accoglienza per bambini disabili, con la «Piacenti spa» di Prato, con le suore «Minime» di Poggio a Caiano a 15 anni dal tragico assedio del 2002. E con la Scuola di Musica della Custodia Francescana, anche in vista di un possibile concerto a Pistoia Capitale della Cultura.

Una serie di incontri di formazione aperti a tutti per conoscere le straordinarie ricchezze artistiche delle chiese del centro di Pistoia, in vista delle aperture straordinarie dei mesi di giugno e luglio. Questo il primo passo del progetto diocesano «Chiese aperte» per l'anno di Pistoia capitale della cultura, ideato e coordinato dalla prof.ssa Edi Natali.

Chi, nella città capitale 2017 della cultura, fosse transitato per piazza del Duomo nel pomeriggio di ieri 2 febbraio («Presentazione di Gesù al Tempio», o «Candelora») avrebbe visto una cerimonia solo in parte folcloristica: la riproposizione, in Cattedrale, di un antico rito rivolto ai pellegrini che nel corso dell’anno avrebbero percorso un «cammino di fede», in particolare proprio verso quella Santiago di Compostela così unita con la città toscana per via di una reliquia del santo donata ai pistoiesi e qui venerata da secoli.