Siena

Ultimi contenuti per il percorso 'Siena'

Microcredito di Solidarietà, Arci Siena e Arci Toscana hanno firmato un accordo per favorire l’integrazione dei cittadini stranieri inseriti nel programma di protezione internazionale promosso dal Ministero dell'Interno e denominato SAI/SIPROIMI. Il progetto ministeriale, che nel territorio senese vede come capofila la SdS Alta Valdelsa e soggetti attuatori Arci Siena in ATI con Arci Toscana, prevede, infatti, fra i propri obiettivi l’integrazione dei beneficiari attraverso la ricerca di opportunità formative, lavorative e alloggiative sul territorio e l’avvio di percorsi individualizzati di autonomia. 

“Quella di una banca così ricomposta, senza una propria autonomia e con una durata limitatissima nel tempo, è un’ipotesi che non ha alcuna ragione di esistere, nemmeno nelle più fantasiose delle menti. E quindi è pressoché inutile. Anche perché sarebbe un’operazione priva di respiro industriale e motivazionale, soprattutto per i dipendenti, per i clienti attuali, potenziali ed eventuali investitori”. A sottolinearlo Emanuela Anichini segretario generale Cisl Siena a proposito del futuro di Banca Mps. 

«Sono orgoglioso di poter dirigere l’Azienda ospedaliero-universitaria della città in cui mi sono formato e sono docente. Nell’interesse dei nostri pazienti e con il supporto della Regione Toscana, i principali obiettivi da perseguire sono l’ammodernamento del patrimonio immobiliare e il potenziamento della nostra efficacia. Mi impegnerò per rafforzare la collaborazione dentro l’azienda e fra questa, l’Università e le altre istituzioni. La cooperazione è essenziale perché in gruppo si può certamente operare meglio di quanto possiamo fare come singoli. Metterò a servizio della nostra Azienda le mie competenze e l’esperienza acquisita in dieci anni di direzione dell’amministrazione regionale e ricercherò il contributo di tutti coloro i quali condividono l’obiettivo di fare più grande la nostra Azienda».

“La visita alla casa di reclusione di Ranza è il proseguimento di un percorso che ho intrapreso appena arrivato in questa arcidiocesi. Il mondo del carcere rappresenta uno di quei ‘percorsi della misericordia’, che Papa Francesco ci ha invitato a percorrere per raggiungere tutte quelle periferie del mondo che oggi più che mai hanno bisogno di sostegno ed accompagnamento”.

Tanti piccoli pandori e panettoncini in dono ai giovani pazienti del Dipartimento della Donna e dei Bambini. È questo il regalo di Natale offerto da AVO, Associazione Volontari Ospedalieri, ai piccoli degenti dell’ospedale Santa Maria alle Scotte. Un gradito pensiero, sia per i bambini che per le loro famiglie, per far sentire loro la vicinanza dell’associazione.