Tribunale ecclesiastico

Ultimi contenuti per il percorso 'Tribunale ecclesiastico'

Il comunicato finale sui lavori della Conferenza episcopale toscana riunita all'Eremo di Lecceto lo scorso lunedì 28 gennaio. Si muovono i primi passi per organizzare l’omaggio alla tomba del Patrono d’Italia, che si svolgerà in ottobre. I Vescovi toscani si uniscono all’invito della Cei per una purificazione dei linguaggi da espressioni incattivite e rancorose: «Evitare parole e atteggiamenti di esclusione». Mons. Italo Castellani sarà assistente regionale Unitalsi

Incontrando ieri pomeriggio in Laterano i partecipanti al corso di formazione su matrimonio e famiglia, Francesco ha auspicato un «catecumenato permanente» per le coppie, esortando ad aiutare quanti entrano in crisi nel riscoprire la grazia del Sacramento, ma offrendo in certi casi anche indicazioni per intraprendere un processo di nullità.

Nel «Dies annualis» si è parlato del servizio di «consulenza previa» che le diocesi  devono offrire a chi pensa di aprire un processo canonico dopo il fallimento del proprio matrimonio. Il Vicario giudiziale mons. Malpelo: «In Toscana ogni anno migliaia di coppie che si separano. Persone che devono essere aiutate a superare i dubbi sulla propria situazione coniugale».

«Promuovere una preparazione differenziata, soprattutto accademica, delle diverse figure chiamate ad operare nei tribunali ecclesiastici, oppure che sono coinvolte nella consulenza matrimoniale e familiare per la quale si richiede anche una preparazione adeguata». È l'obiettivo dell'Istruzione della Congregazione per l'educazione cattolica sugli studi di diritto canonico alla luce della riforma del processo matrimoniale.

«Di fronte alle questioni più spinose che riguardano la missione evangelizzatrice e la salvezza delle anime, è importante che la Chiesa recuperi sempre più la prassi sinodale della prima comunità di Gerusalemme». Lo ha ricordato questa mattina Papa Francesco ricevendo in udienza, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, in Vaticano, i partecipanti al corso promosso dal Tribunale della Rota Romana sul tema «Il nuovo processo matrimoniale e la procedura Super Rato».

Non solo incontri e percorsi di formazione. Anche progetti di studio e l'avvio del «ponte giuridico-pastorale» auspicato dal Papa per accogliere e accompagnare nel discernimento le persone ferite dal fallimento del proprio matrimonio e desiderose di verificarne la validità. Sono alcuni frutti dell'esortazione apostolica di Francesco a oltre un anno dalla sua pubblicazione.