Turismo

Ultimi contenuti per il percorso 'Turismo'

Prosegue il lavoro per realizzare il tratto da Stia a Ponte a Buriano della ciclopista dell'Arno, il «Sentiero della bonifica». La giunta regionale toscana ha approvato ieri, su proposta dell'assessore regionale alle Infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, la modifica all'accordo di giugno 2015 in cui è prevista l'integrazione delle risorse grazie a un implemento della quota di contributo in carico ai Comuni del Casentino.

La mostra è dedicata ad uno dei più grandi maestri del Rinascimento fiorentino, Andrea Verrocchio, nella cui bottega, attiva nella seconda metà del Quattrocento, si formarono grandi artisti, fra cui Leonardo da Vinci. L’esposizione ospita oltre 120 fra dipinti, sculture e disegni provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo. Si possono ammirare i capolavori di Verrocchio e le opere capitali dei maggiori artisti del secondo Quattrocento, Botticelli, Perugino e Ghirlandaio. La mostra permette di ricostruire la formazione di Leonardo e la produzione artistica fiorentina all’epoca di Lorenzo il Magnifico.

La visita guidata inizierà con una passeggiata fra le vie comprese fra piazza Ognissanti e piazza Santa Maria Novella nelle quali, accanto ad importanti monumenti, scopriremo tante curiosità: la via dove nacque Botticelli, una casa «alla rovescia» e una casa in stile liberty. La visita guidata proseguirà con l’ingresso all’Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella, ritenuta la più antica farmacia storica d’Europa. L’Officina vanta infatti una lunga storia, iniziata nella seconda metà del XIV secolo quando i frati domenicani iniziarono a vendere l’acqua di rose come disinfettante. Oggi non è più farmacia, ma profumeria ed erboristeria, si trova all’interno di un ambiente monumentale molto elegante e di grande fascino, con affreschi antichi e arredi originali. Punto d’incontro: Piazza Ognissanti.

Chiesa dell’ordine francescano, la Basilica di Santa Croce vanta una lunga e prestigiosa storia. Fu progetta alla fine del XIII secolo dall’architetto Arnolfo di Cambio, la sua facciata però risale all’Ottocento, al suo interno la chiesa conserva numerosi capolavori, fra cui gli affreschi di Giotto, le sculture di Donatello, il crocifisso di Cimabue. A ragione, Ugo Foscolo la definì «tempio dell’itale glorie» per le sue innumerevoli tombe e monumenti funebri, fra cui quelli di importanti personalità come Michelangelo, Galileo, Machiavelli, Alfieri. Oltre alla chiesa si visitano il museo e la Cappella dei Pazzi di Brunelleschi.

Boom di visitatori e incassi nel 2018 alle Gallerie degli Uffizi di Firenze: il complesso museale fiorentino, che raccoglie la celebre galleria vasariana, la reggia medicea di Palazzo Pitti e il giardino di Boboli, cresce del 6% rispetto al 2017 per quanto riguarda le presenze e del 50,5% per gli introiti. Sono alcuni dei numeri illustrati oggi durante la conferenza stampa che il direttore Eike Schmidt ha dedicato all'andamento dell'anno appena trascorso.

La giunta regionale ha approvato la proposta di tracciato arrivata dal «Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna» per il tratto della Via Romea Germanica che lo attraversa. L'approvazione è arrivata sentita la Consulta tecnica della Rete Escursionistica Toscana (R.E.T.), i Carabinieri-Forestali e il Club Alpino Italiano e ne permetterà l'inserimento nel catasto della Rete.