Turismo

Ultimi contenuti per il percorso 'Turismo'

 Pisa intende riaprire in sicurezza e manda il messaggio al mondo intero di tornare a visitare le sue meraviglie. Il prossimo 30 maggio, infatti, la stessa Opera Primaziale ha annunciato la riapertura al pubblica della celebre piazza dei Miracoli, con i suoi monumenti patrimonio Unesco dell’umanità, Battistero, Cattedrale, Cimitero monumentale e, naturalmente, il celebre Campanile. 

Prove generali di riapertura degli agriturismi toscani che registrano un debole e lento andamento delle prenotazioni dopo il lungo periodo di lockdown in vista della prossima stagione estiva per non perdere le 60mila presenze nelle campagne toscane in estate durante la quale si rischia che solo il 20% degli italiani andrà in vacanza.

Serve subito liquidità per il 57% delle imprese agricole anche in Toscana che hanno avuto una diminuzione delle attività a causa della pandemia Coronavirus che ha sconvolto i mercati con difficoltà per le esportazioni, lo stop forzato al canale ristorazione e la chiusura di alcune attività. 

In bicicletta alla scoperta delle Terra di Arezzo: è stato presentato oggi, 16 aprile, nel corso di una conferenza stampa virtuale, il percorso cicloturistico permanente “L’Ardita” che nasce per valorizzare un tracciato che si snoda lungo le strade dell’omonima ciclostorica e che consentirà (non appena l’emergenza sanitaria sarà rientrata), agli amanti del turismo lento e delle esperienze outdoor di pedalare immersi nella natura e lontani da luoghi affollati, in uno dei territori più belli della Toscana.

Si è insediato il tavolo di collaborazione tra Regione Toscana e Conferenza Episcopale Toscana per il turismo religioso. Obiettivo del tavolo sarà sviluppare sinergie nei due ambiti: cultura e turismo così da valorizzare il patrimonio ecclesiastico diffuso sul territorio e cogliere le opportunità di turismo religioso collegate anche all'anno ‘jacobeo’ che verrà celebrato nel 2021, con apertura della porta santa a Pistoia dove riposa la reliquia dell'apostolo San Giacomo portata dal vescovo Atto nell'anno 1145.