Vescovi

Ultimi contenuti per il percorso 'Vescovi'

Il primo ministro centrafricano Firmin Ngrébada ha ricevuto nella giornata di ieri, 8 maggio, il cardinale di Bangui Dieudonné Nzapalaïnga, il vescovo di Bouar mons. Miroslaw Guscwa e padre Aurelio Gazzera, parroco di Saint Michel de Bozoum. Scopo dell'incontro «fare il punto sulle recenti voci riguardo lo sfruttamento dei siti minerari nella città di Bozoum da parte di tre compagnie cinesi», come riferisce la notizia che lo stesso padre Gazzera ha fatto pervenire al Sir.

Mons. Paolo Giulietti, finora Vescovo Ausiliare di Perugia-Città della Pieve e Vicario Generale di quella Diocesi, il 19 gennaio è stato nominato arcivescovo di Lucca.

Monsignor Augusto Paolo Lojudice, già vescovo ausiliare a Roma, è stato nominato il 6 maggio arcivescovo metropolita di Siena-Colle Val d'Elsa-Montalcino.

Papa Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi metropolitana di Siena-Colle Val d'Elsa-Montalcino, presentata da mons. Antonio Buoncristiani, e ha nominato arcivescovo metropolita della stessa arcidiocesi mons. Augusto Paolo Lojudice, finora vescovo titolare di Alba Marittima e ausiliare di Roma.

A conclusione della 118ª assemblea plenaria a Punta de Tralca, caratterizzata da un dibattito aperto a diversi laici e religiosi, la Conferenza episcopale cilena (Cech) ha diffuso ieri un comunicato sui lavori di questi giorni, incentrati soprattutto sulle risposte in seguito agli scandali emersi e alle scelte per prevenire gli abusi in ambito ecclesiale. Ma non mancano prese di posizione su altri temi d’attualità.

La Commissione Giustizia e Pace della Conferenza episcopale venezuelana (Cev), in una nota firmata dal presidente, mons. Roberto Lückert León, vescovo emerito di Coro, «manifesta la sua preoccupazione per i fatti accaduti durante le manifestazioni realizzate nel Paese tra il 30 aprile e il 2 maggio, che ha lasciato il grave bilancio di 4 persone assassinate, 240 detenute e oltre 300 feriti, secondo il rapporto dell'organizzazione Foro Penale. Va aggiunto che le quattro persone in questione erano tutte giovani, due delle quali minorenni.