Betori

Ultimi contenuti per il percorso 'Betori'

«Il nostro tempo può essere definito nei termini di rifiuto dell’altro e di paura del futuro, di conflitti inestricabili e di ansie dai molti volti». E' la riflessione proposta dal cardinale Giuseppe Betori nella Messa in Cattedrale durante la quale è stato pronunciato il tradizionale «Te Deum» di ringraziamento per l'anno trascorso.

«Dobbiamo pur chiederci perché in un popolo da sempre aperto all’incontro e all’accoglienza sta prevalendo l’istinto a chiudersi nel proprio guscio, a negare ospitalità a chi viene da paesi in guerra, impoveriti dalle rapine dei potenti, stremati dalla fame». Sono le parole del cardinale Giuseppe Betori nella messa nel giorno di Natale, nel duomo di Firenze.

"Una doverosa riflessione su come il valore della vita giorno dopo giorno venga a oscurarsi nella nostra società": è questo il tema affrontato dal cardinale Giuseppe Betori nell'omelia durante la Messa nella notte di Natale, nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze.

La difesa di "spazi di libertà", sia nel pluralismo dell'informazione che nella valorizzazione del volontariato e delle istituzioni culturali; la politica, con l'attesa delle elezioni a Firenze e il dibattito sulle possibili forme di aggregazione dei cattolici; la vita diocesana, con il Cammino Sinodale e la Visita Pastorale. Sono questi i temi affrontati dal cardinale Giuseppe Betori nel suo incontro con i giornalisti per il consueto scambio di auguri.

"Non possiamo accettare passivamente che migliaia di persone, comprese famiglie e donne con bambini, che sono state accolte e inserite in un percorso di integrazione, ora vengano abbandonate e lasciate per strada senza nessuna prospettiva di futuro". Sono le parole del cardinale Giuseppe Betori, nell'omelia per la festa dell'Immacolata. Dall'arcivescovo di Firenze anche un richiamo critico alla recente delibera della Regione toscana che prevede, tra le altre cose, contraccettivi gratuiti per i giovani.

Doppia festa per il cardinale Ernest Simoni, il testimone della persecuzione dei cristiani durante il regime comunista albanese, che da alcuni anni vive a Firenze. Per i suoi novant'anni, la mattina la Chiesa fiorentina lo ha festeggiato durante la Messa in cattedrale nella festa di Tutti i Santi. Nel pomeriggio la consegna del «Sigillo della Pace» in Palazzo Vecchio. Per l'occasione, a Firenze anche il presidente della Repubblica d’Albania Ilir Meta.

La Chiesa fiorentina in festa intorno al suo Pastore: il 26 ottobre del 2008 il nuovo arcivescovo, Giuseppe Betori, faceva il suo ingresso a Firenze, iniziando il ministero pastorale nella diocesi che il Papa gli aveva affidato. Per celebrare questo decennale, in Cattedrale ci saranno un concerto e una Messa