Giovanni Roncari

Ultimi contenuti per il percorso 'Giovanni Roncari'

La Chiesa di Grosseto è pronta a far festa per accogliere domani, lunedì 9 agosto, il suo nuovo pastore, il vescovo Giovanni Roncari, e – con lui – ad iniziare un cammino nuovo: quello verso una più stretta unione e comunione con la Chiesa di Pitigliano-Sovana-Orbetello, unita, nella persona del vescovo Giovanni, con la diocesi di Grosseto.

“Il vescovo eletto Giovanni Roncari farà il suo ingresso ufficiale nella sua nuova Diocesi nel pomeriggio-sera di lunedì 9 agosto, quando la città e la Chiesa di Grosseto saranno già pienamente dentro il clima di festa per il patrono san Lorenzo”. Ad annunciarlo è il vescovo Rodolfo, amministratore apostolico della diocesi di Grosseto.

"Pace e bene a tutti voi! Con questo saluto della tradizione francescana mi presentai, quasi sei anni fa, alla Chiesa di Pitigliano-Sovana-Orbetello. Con queste stesse parole mi presento a voi". Inizia così il messaggio di mons. Giovanni Roncari alla diocesi di Grosseto. Ecco il testo integrale

Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale della Diocesi di Grosseto, presentata dal vescovo Rodolfo il 3 gennaio scorso, giorno del suo 75esimo compleanno, a norma del canone 401 §1 e ha nominato Padre Giovanni Roncari, nuovo Vescovo della Diocesi di Grosseto unendo in persona Episcopi la Diocesi di Grosseto e la Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello

Dal 18 maggio, con la ripresa delle Celebrazioni Eucaristiche con i fedeli, le parrocchie sono chiamate a attuare un protocollo di sicurezza nelle chiese. La criticità della ripresa non è messa in dubbio, anzi ci richiama ad una “evangelica” attenzione al prossimo e ad una corresponsabilità di fondo che va oltre il buon senso, che comunque costituisce una regola fondamentale da affiancare alle altre, ma non deve essere considerata la principale. 

Pitigliano ha ospitato, il 5 e il 6 giugno, una due giorni di cultura sulla tematica del dialogo e dell'amicizia dei popoli del Mediterraneo che ha avuto come focus storia, cultura e tradizioni come strumenti privilegiati di amicizia e dialogo culturale e di identità.