Giuseppe Betori

Ultimi contenuti per il percorso 'Giuseppe Betori'

La Chiesa fiorentina in festa intorno al suo Pastore: il 26 ottobre del 2008 il nuovo arcivescovo, Giuseppe Betori, faceva il suo ingresso a Firenze, iniziando il ministero pastorale nella diocesi che il Papa gli aveva affidato. Per celebrare questo decennale, in Cattedrale ci saranno un concerto e una Messa

Un abbraccio concreto ad una comunità ferita. Il Vescovo Betori ha celebrato la Messa, domenica scorsa, nella Chiesa di San Ruffignano a Sommaia incontrando i parrocchiani della frazione calenzanese per la prima volta dopo la scoperta degli abusi compiuti dall’ex amministratore parrocchiale, don Paolo Glaentzer, su una bambina di dieci anni.

«La lezione di don Lorenzo Milani è ancora viva e capace di illuminare il cambiamento culturale che stiamo attraversando». Lo ha detto il cardinale Giuseppe Betori, presidente della Conferenza episcopale toscana, nell’introdurre la presentazione, oggi pomeriggio a Firenze presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale, della Lettera pastorale dei vescovi toscani su comunicazione e formazione, «La forza della parola», a cinquant’anni dalla morte di don Milani e a uno dalla visita di Papa Francesco a Barbiana. 

«Dobbiamo comprendere come entrare in dialogo con il nostro tempo, per coglierne ed educarne le domande, così da far sì che il Vangelo possa risplendere a ciascuno come una risposta che illumina la sua vita». Lo ha detto l'arcivescovo di Firenze, il card. Giuseppe Betori, ieri, durante l'omelia della celebrazione eucaristica, che ha presieduto in cattedrale, in occasione dell'inizio dell'anno pastorale e della ripresa del Cammino sinodale.

«Il nostro Cammino sinodale è risposta a un’esortazione di Papa Francesco, che qui a Firenze ha invitato tutta la Chiesa italiana a prendere in mano l’esortazione apostolica Evangelii gaudium per leggere la situazione in cui viviamo e individuare direzioni di rinnovamento dell’azione pastorale in senso missionario». Lo ha ricordato il cardinale Giuseppe Betori, nella relazione conclusiva all’assemblea diocesana del clero all’eremo di Lecceto.