Lorenzo Baldisseri

Ultimi contenuti per il percorso 'Lorenzo Baldisseri'

«Nel tempo del Sinodo abbiamo condiviso, abbiamo faticato insieme, abbiamo lavorato insieme, abbiamo gioito insieme per essere Chiesa insieme». Così il card. Lorenzo Baldisseri ha portato ieri giovani di tutto il mondo riuniti a Ciampino per l'XI Forum internazionale di giovani (fino al 22 giugno) nel cuore stesso del Sinodo a loro dedicato, rivivendo insieme a loro l'esperienza entusiasmante e feconda del cammino sinodale.

«È stata un’esperienza di profonda comunione ecclesiale vissuta con l’adesione della fede e l’affetto del cuore da parte di ciascuno di noi, venuto da ogni parte della terra». Così il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, nel saluto conclusivo.

«In un mondo che non ci aiuta più a sognare», l'Instrumentum laboris «può essere letto come un invito a ricominciare a desiderare l'impossibile, a sognare per e con i giovani cose grandi». Lo ha detto il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, durante la conferenza stampa di presentazione in sala stampa vaticana. 

Approvato il documento preparatorio dell’assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per la Regione Panamazzonica. Il testo include un questionario finale. È quanto emerge da un comunicato diffuso oggi dalla sala stampa vaticana, in cui viene fatto il punto dopo la prima riunione del Consiglio pre-sinodale riunito in Vaticano dal 12 al 13 aprile.

«Un ampio documento», «un testo condiviso» redatto con «un metodo a tutti gli effetti sinodale»: così il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, ha definito il documento finale del pre-Sinodo dei giovani che «costituisce una delle fonti che contribuiranno alla stesura dell’Instrumentum laboris per il Sinodo». Tre le parti del documento. Ecco i temi.

«Adesso, ognuno nella propria lingua, ognuno nella propria fede, ognuno nel proprio dubbio, pensi a Dio, al bisogno di Dio, al dubbio che ha su se c’è Dio. Pensi alla propria vita e chieda la benedizione della bontà su tutti». Con queste parole, pronunciate a braccio, il Papa ha inaugurato il pre-Sinodo dei giovani.