Pietro Parolin

Ultimi contenuti per il percorso 'Pietro Parolin'

L’esito del referendum irlandese «è una sconfitta dell’umanità». Lo ha detto ieri sera il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, a margine della cerimonia di consegna del premio per la dottrina sociale della Chiesa, bandito dalla Fondazione «Centesimus Annus», tenutasi al Palazzo della Cancelleria a Roma.

«La Santa Sede desidera collaborare con la Romania per il rafforzamento dei rapporti bilaterali e per la promozione della concordia e della pace nel mondo». È l'auspicio espresso dal cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, intervenendo stasera alla celebrazione dei venticinque anni del ristabilimento delle relazioni diplomatiche, svoltasi al palazzo della Cancelleria, a Roma.

«Il villaggio dimenticato da Dio/Dio dimenticato dal villaggio». Ha usato questa espressione del poeta locale Vladimir Niakliaev il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, per introdurre l'omelia della celebrazione da lui officiata ieri nell'arcicattedrale di Minsk, durante la sua visita in Bielorussia.

L'avanzata dello Stato islamico in Libia va arginata. Alla fine del consueto incontrato bilaterale a Roma tra Italia e Santa Sede, in ricorrenza dei Patti Lateranensi, riferisce Radio Vaticana, il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, ha detto che «occorre intervenire presto, ma sotto l'ombrello Onu».

«Per gli italiani speriamo sia un Natale sereno anche se sappiamo che ci sono tante nuvole che si addensano sul loro cielo». Lo ha detto ieri sera ai giornalisti presenti il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, davanti la basilica di San Francesco d'Assisi prima dell'accensione dell'albero di Natale che si è tenuta alle 18.30.

Le nuove forme del terrorismo «transnazionale» richiedono «una rinnovata azione delle Nazioni unite» per «promuovere e preservare la pace». «È lecito e urgente fermare l‘aggressione attraverso un'azione multilaterale e un uso proporzionato della forza». Lo ha detto ieri il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, nel suo intervento alla 69esima sessione della Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

«Il ricorso alle armi in generale, e alle mine in particolare, rappresenta una sconfitta di tutti». È quanto scrive il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin nel messaggio inviato, a nome di Papa Francesco, alla terza Conferenza di revisione della Convenzione sul divieto d'impiego, di stoccaggio, di produzione e di trasferimento delle mine antipersona e sulla loro distruzione, svoltasi a Maputo, in Mozambico, dal 23 al 27 giugno scorsi.