Cardinali

Ultimi contenuti per il percorso 'Cardinali'

L'arcivescovo di Ancona-Osimo, Edoardo Menichelli, uno dei 20 cardinali che sabato riceveranno la «berretta» dal Papa, si racconta: «A undici anni sono rimasto senza genitori, a dodici anni ho dovuto abbandonare la scuola per andare a lavorare. E indovini che mestiere ho fatto? Il pastore». Una giornata accanto a un pastore che conosce l'odore delle sue pecore, la loro testardaggine e la loro mitezza.

“Adesso le dico una cosa che non ho mai detto a nessuno: a undici anni sono rimasto senza genitori, a dodici anni ho dovuto abbandonare la scuola per andare a lavorare. E indovini che mestiere ho fatto? Il pastore”. Comincia con una confidenza, davanti a una tazza di latte, la giornata “a tu per tu” con l’arcivescovo di Ancona-Osimo, Edoardo Menichelli, uno dei 20 cardinali che sabato prossimo riceveranno la “berretta” dal Papa. “Ho fatto il pastore: l’odore delle pecore lo so qual è, la testardaggine delle pecore so qual è… anche la mitezza delle pecore so qual è”. Un pastore innamorato del suo gregge: 75 anni, 50 di sacerdozio, 20 di episcopato di cui la metà trascorsi ad Ancona. Servizio di Marco Calvarese

«Il cardinalato è una vocazione. Il Signore, mediante la Chiesa, ti chiama ancora una volta a servire; e ti farà bene al cuore ripetere nella preghiera l’espressione che Gesù stesso suggerì ai suoi discepoli per mantenersi in umiltà: «Dite: ‘Siamo servi inutili’». Lo scrive Papa Francesco nella lettera ai venti nuovi cardinali, che saranno creati nel concistoro del prossimo 14 febbraio. 

Papa Francesco oggi, al termine della preghiera dell’Angelus, ha annunciato la creazione di venti nuovi cardinali. Riceveranno la berretta rossa nel Concistoro del 14 febbraio: 15 tra loro sono elettori e «manifestano – ha spiegato il Papa – l’inscindibile legame fra la Chiesa di Roma e le Chiese particolari presenti nel mondo». Cinque, invece, i titolari emeriti, quindi non elettori.

Il Papa, dopo la preghiera dell’Angelus, ha annunciato la creazione di 15 nuovi cardinali, da 14 nazioni del mondo, e 5 cardinali non elettori nel prossimo concistoro del 14 febbraio. Inoltre ha reso noto che domenica 15 febbraio presiederà una solenne concelebrazione con i nuovi cardinali, mentre il 12 e il 13 febbraio terra un Concistoro con tutti i porporati per riflettere sugli orientamenti e le proposte per la riforma della Curia Romana.

«Approfondimenti sono tuttora in corso: si tratta di un processo che continua; non ci sono decisioni formali. Siamo nel corso di un processo di riforma, che ha ancora dei tempi abbastanza ampi davanti a sé». Con queste parole padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede, ha sintetizzato la settima riunione del «C9», il Consiglio di cardinali che affiancano il Papa nella riforma della Curia.