Caritas

Ultimi contenuti per il percorso 'Caritas'

“Lo scenario post-Covid in Africa è inquietante e bisogna diffidare della carità pelosa dei G20, che hanno deciso di sospendere il debito nei confronti dei Paesi africani per un anno. Così non si risolve il problema ma lo si estende alle prossime generazioni”. Questo sarà l’impatto della pandemia in Africa secondo il missionario comboniano padre Giulio Albanese, intervenuto oggi al webinar organizzato da Caritas italiana.

Sono 98 le tonnellate di generi alimentari donati sabato scorso in 44 punti vendita Coop.fi, che arrivano a 196 con il raddoppio di Unicoop Firenze. Il primo appuntamento del 2020 con la raccolta alimentare, svolto in alcuni negozi rappresentativi di tutto il territorio su cui opera la Cooperativa, conferma la grande generosità dei cittadini. 

Sabato 4 luglio in 44 supermercati Coop.fi di Unicoop Firenze la raccolta alimentare. Ogni prodotto donato sarà raddoppiato da Unicoop Firenze. La raccolta è svolta in collaborazione con la Fondazione Il Cuore si scioglie a favore di Caritas Toscana e oltre 200 associazioni del territorio per aiutare le famiglie più bisognose di generi alimentari di prima necessità.

Il Paese dell'Africa occidentale è divenuto l'epicentro di un drammatico conflitto regionale che ha causato più di un milione di sfollati interni. Si tratta di una delle ondate di sfollamento in più rapida evoluzione nel mondo a causa della quale centinaia di migliaia di persone non hanno né cibo, né acqua, né un rifugio adeguato.

Il 34% delle persone che si sono rivolte alle Caritas diocesane nel periodo del lockdown sono “nuovi poveri”, ossia persone che si sono rivolte per la prima volta alle strutture ecclesiali. Con la riapertura si è registrato un piccolo segnale positivo: nel 28,4% delle 169 Caritas diocesane interpellate, pari al 77,5% del totale (sono 218 le Caritas in Italia), si è registrato un calo delle domande di aiuto. 

Centocinquantatré, nel centro di Torre del Lago, è stato inaugurato nella mattinata di venerdì 12 giugno dall’Arcivescovo di Lucca, Paolo Giulietti, dalla direttrice dell'Ufficio pastorale caritas della Diocesi di Lucca, Donatella Turri e dall’assessore al welfare del Comune di Viareggio, Gabriele Tomei. Con loro anche i parroci di  Torre del Lago, Bicchio e Varignano e alcuni volontari.