Caritas

Ultimi contenuti per il percorso 'Caritas'

I primi sbarchi consistenti a Lampedusa di profughi provenienti da Tunisia e Libia iniziarono nel gennaio 2011. Alla regione Toscana fu chiesto di ospitarne fino a 3.500, anche se poi gli arrivi sono stati circa 1.500. Fu scelto un modo alternativo di accoglienza, coinvolgendo Comuni, associazioni, parrocchie e volontariato. Ma sul futuro di questi profughi le incognite sono tante, anche perché dal prossimo 28 febbraio finiscono le convenzioni.

Inaugurato dalla Caritas diocesana con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno il progetto Goccia a Goccia per sostenere le famiglie bisognose.

Con il protrarsi dei combattimenti in Mali, la situazione umanitaria si aggrava di giorno in giorno. Da gennaio 2013 sono ormai oltre 9.000 i nuovi profughi, in aggiunta ai 400.000 già presenti tra sfollati interni e rifugiati nei paesi limitrofi. Le ultime stime parlano di possibili ulteriori 300.000 sfollati interni e di altri 400.000 nuovi rifugiati.

Sabato 26 gennaio si svolge a Castelfiorentino il convegno delle Caritas parrocchiali della diocesi di Firenze, nella consueta cadenza dell’ultimo sabato di gennaio. «Sarà l’occasione - spiega il direttore della Caritas fiorentina Alessandro Martini - per ritrovarsi tra operatori e volontari provenienti da tutta la diocesi per approfondire un argomento centrale del nostro impegno di carità e ascoltare il nostro Arcivescovo, il cardinale Giuseppe Betori, che con la sua relazione ci indicherà i punti essenziali di riferimento pastorale per compiere un approfondito discernimento delle opere di carità e solidarietà alla luce della fede»

Un volume che mostra l'evoluzione, nel contesto sociale ed ecclesiale italiano, del concetto di carità: dalla semplice assistenza e beneficenza alla promozione umana. Questo l'obiettivo del volume «La grammatica della carità. Dall'assistenza alla condivisione nel pensiero di Giuseppe Pasini» (Edb), che raccoglie tutti gli editoriali scritti da mons. Pasini, direttore di Caritas italiana dal 1986 al 1996, sulla rivista «Italia Caritas», insieme ad un colloquio con il curatore don Salvatore Ferdinandi.