Caritas

Ultimi contenuti per il percorso 'Caritas'

Da oggi a giovedì 16 ottobre una piccola delegazione della Cei, guidata dal segretario generale, monsignor Nunzio Galantino, insieme al direttore di Caritas Italiana, si reca in Iraq per incontrare i vescovi e i rappresentanti della Chiesa locale, visitare alcune strutture in cui sono ospitati migliaia di profughi cristiani e yazidi e confrontarsi con alcune autorità civili.

La Caritas diocesana presenta il Rapporto 2014 sui Centri d’ascolto. Nuova conferma: povertà in aumento tra gli italiani. Tutti i dati. Sono appunto raccolti nei 20 Centri di ascolto sparsi sul territorio diocesano. «Preoccupano i nuovi accessi - dice Lotti che ha redatto il rapporto - dobbiamo aiutarli a non cadere nell’assistenzialismo».

Aumenta il numero di famiglie pratesi che si rivolgono alla Caritas. È il principale dato che emerge, con forza, dal «Rapporto sulle povertà 2014» presentato questa mattina alla Camera di Commercio. Nel 2013 sono aumentati gli italiani (+ 14,2%) che si sono rivolti in uno dei 20 Centri d’ascolto presenti sul territorio, mentre sono diminuiti i cittadini stranieri (- 8,8%).

Caritas italiana, che collabora da anni con la diocesi di Bujumbura e l'ordine dei Saveriani per la promozione della pace tra i giovani proprio nei quartieri nord della città, esprime «vicinanza e cordoglio» alla Congregazione delle Missionarie Saveriane e ai familiari delle tre missionarie suor Olga Raschietti, suor Lucia Pulici e suor Bernardetta Boggian, uccise nel loro convento in Burundi nella missione di Kamenge.

«Ci riuniamo per riflettere insieme su quale possa essere la migliore risposta, nei prossimi mesi e anni, alla tragedia che colpisce il Medio Oriente, e su come si possa collaborare con altri organizzazioni della Chiesa cattolica o al di fuori di essa per promuovere la pace e la stabilità nella regione». Lo ha detto Michel Roy, segretario generale di Caritas internationalis, presentando la riunione di alto livello della Caritas internationalis sulla crisi in Medio Oriente, in particolare Siria, Gaza e Iraq, che si terrà a Roma dal 15 al 17 settembre prossimi.

Non solo la possibilità di fare la spesa nella logica della carità e della dignità umana, per cui anche chi è povero ha diritto a scegliere; l’Emporio della solidarietà, uno dei più recenti ed innovativi servizi attivati dalla Caritas diocesana di Grosseto, è anche altro. E’, infatti, pure un luogo di formazione, per accompagnare le famiglie accolte in un percorso di rieducazione a nuovi stili di vita, al riutilizzo piuttosto che allo spreco, all’attenzione al bilancio domestico.

Le situazioni di crisi che colpiscono in maniera sempre più forte varie zone del Medio Oriente, stanno mettendo a rischio anche la Giordania, unico paese dell’area senza conflitto. L‘allarme arriva da Caritas Giordania, che ricorda come nella zona settentrionale del paese, al confine con la Siria, “l’insicurezza è costante, non solo per il flusso di rifugiati siriani che continuano ad arrivare, ma anche per infiltrazioni di bande armate, che si scontrano con reparti dell’esercito e delle forze aeree giordane in pattuglia”.

«Ospedali e capacità diagnostiche sono stati sopraffatti» dall’emergenza, secondo l’Oms. Diventano ancora più preziosi gli sforzi per garantire trattamenti immediati in grado di frenare il contagio. Fondamentale la sensibilizzazione delle comunità nelle quali è radicato il pregiudizio. La testimonianza di Giovanni Putoto, responsabile della programmazione di Medici con l’Africa Cuamm.