Catechesi

Ultimi contenuti per il percorso 'Catechesi'

«L’insensibilità di oggi scava abissi invalicabili per sempre. E noi siamo caduti, in questo momento, in questa malattia dell’indifferenza, dell’egoismo, della mondanità». A lanciare il grido d’allarme è stato il Papa, nell’omelia della Messa celebrata ieri in piazza San Pietro per il Giubileo dei catechisti.

“Chi annuncia la speranza di Gesù è portatore di gioia e vede lontano, perché sa guardare al di là del male e dei problemi. Al tempo stesso vede bene da vicino, perché è attento al prossimo e alle sue necessità”. Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della messa per il Giubileo dei Catechisti, tenuta in piazza san Pietro. Ai più di 15mila catechisti presenti il Papa ha ricordato l’importanza di portare il primo annuncio: Gesù è risorto e ti ama personalmente, così come sei. “Fagli posto: nonostante le delusioni e le ferite della vita, lasciagli la possibilità di amarti”. 

«Una catechesi che sia veicolo di misericordia». Questo si chiede oggi al popolo dei «catechisti» che è in Italia e che tra pochi giorni apriranno le porte delle parrocchie ai ragazzi e alle loro famiglie per accompagnarli nel loro percorso formativo. A parlare è monsignor Paolo Sartor, direttore dell’Ufficio catechistico nazionale, che oggi a Roma ha salutato i circa 300 partecipanti al convegno nazionale dei direttori e collaboratori degli uffici catechistici diocesani.

Nella comunità cristiana «tutti abbiamo la stessa possibilità di ricevere i sacramenti». Lo ha sostenuto oggi in aula Paolo VI papa Francesco, ricevendo in udienza i partecipanti al convegno per celebrare i 25 anni del Settore per la catechesi delle persone disabili dell’Ufficio catechistico nazionale della Cei. Il Papa ha parlato a braccio, consegnando alla fine il testo preparato.

«Dio educa il suo popolo»: è questo il titolo del Convegno catechistico regionale, organizzato dalla Commissione per la catechesi della Conferenza episcopale toscana, che si svolgerà alla Domus bernardiniana di Massa Marittima venerdì 10 e sabato 11 giugno.

In seguito alla insistente raccomandazione  del nostro Arcivescovo, il cardinale Betori, di privilegiare su ogni altra iniziativa la formazione dei catechisti, l’ufficio diocesano propone a tutta la diocesi un vero e proprio mini-corso di formazione  di quattro lezioni. Il corso si ricollega ai temi che abbiamo affrontato negli anni precedenti  con  l’équipe di lavoro che abbiamo costituito.