Cei

Ultimi contenuti per il percorso 'Cei'

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del comunicato finale sui lavori del Consiglio permanente della cei, il Segretario generale, mons. Stefano Russo ha risposto a domande sui temi più caldi, dal convegno mondiale sulla famiglia, ai rapporti con il governo, dal contrasto agli abusi sui minori alla riduzione delle Diocesi.

Nel comunicato finale sui lavori del Consiglio permanente della Cei il tema dell'integrazione e dell'accoglienza, alla luce del decreto sicurezza del governo. Al centro dei lavori la bozza di un documento sull'uso del denaro all'interno della Chiesa e di uno sulle questioni etiche legate al fine-vita. Nasce il Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità.

«Sinodalità» è la parola-chiave dell'introduzione del card. Bassetti ai lavori del Consiglio permanente della Cei. Nel nostro Paese, sostiene il presidente della Cei, si avverte l'esigenza di una «sinodalità diffusa», per sviluppare una «coscienza ecclesiale» e rispondere alle sfide poste da questioni come la famiglia - sulla quale «paghiamo un ritardo tanto incredibile quanto ingiusto» - i giovani, il lavoro, la pedofilia, la pace nel Mediterraneo

La 'Casa della Carità', nata a Firenze nel popoloso quartiere di Novoli per dare una riposta concreta all'esigenza di servizi e housing sociale per persone svantaggiate, è stata completata ed entra in piena attività. Nel condominio solidale convivono, sono in relazione, e trovano sostegno le categorie più fragili: persone con difficoltà economiche, anziani, bambini e migranti, ben inseriti nel contesto sociale cittadino.

Il giudizio della Chiesa italiana sul reddito di cittadinanza nell'audizione dei due rappresentanti della Cei presso le Commissioni riunite Lavoro e Affari sociali nell'ambito dell'esame del disegno di legge. Per la Cei, «un'idea di ‘cittadinanza attiva' non si rassegna alla mera assistenza che può anzi diventare assistenzialismo e generare atteggiamenti deleteri di ‘cittadinanza passiva'»

«Tutelare e gestire i beni della Chiesa alla luce della missione evangelizzatrice, con un'attenzione particolare ai bisognosi». È questo, secondo il card. Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, il delicato compito, da svolgere con «la professionalità più raffinata», affidato agli economi e ai responsabili degli uffici amministrativi, chiamati ad essere «servi dei disegni della Provvidenza, esperti esecutori dei progetti di carità che dalla relazione con Dio attingono la visione profetica dell'economia diocesana».