Cei

Ultimi contenuti per il percorso 'Cei'

Un invito a vedere e poi testimoniare quello che sta accadendo in Iraq: viene dal vescovo Shlemon Warduni, presidente di Caritas Iraq, nell’incontro con monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, e la piccola delegazione di Caritas Italiana che lo ha accompagnato nella missione in Iraq conclusasi il 16 ottobre (clicca qui ).

«Coltivare la terra in forme sostenibili, per nutrire il pianeta con cuore solidale»; «adottare comportamenti quotidiani basati sulla sobrietà e la salubrità nel consumo del cibo»; «rendere grazie a Dio e ai fratelli» per il dono «che ogni giorno riceviamo dalla terra e dal lavoro dell'uomo, in modo tale da tutelarli anche per le prossime generazioni». Sono le «scelte» indicate dalla Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, nel messaggio per la 64ª Giornata nazionale del ringraziamento (9 novembre 2014).

Da oggi a giovedì 16 ottobre una piccola delegazione della Cei, guidata dal segretario generale, monsignor Nunzio Galantino, insieme al direttore di Caritas Italiana, si reca in Iraq per incontrare i vescovi e i rappresentanti della Chiesa locale, visitare alcune strutture in cui sono ospitati migliaia di profughi cristiani e yazidi e confrontarsi con alcune autorità civili.

Antonio e Roberta di Benevento sono fidanzati incamminati verso il matrimonio; Margherita e Marco, una coppia di sposi di Novara: ai loro quattro figli si è unita una bimba in affido familiare; Antonella e Nicola di Tivoli, dopo essere stati separati per sei anni, sono tornati a vivere insieme. Saranno le loro testimonianze a introdurre questa sera la preghiera con Papa Francesco in piazza San Pietro, dove sono attese decine di migliaia di famiglie.

Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, a conclusione del Consiglio episcopale permanente (22-24 settembre): “Facciamo fatica a prendere atto che le famiglie fatte di padre, madre e figli sono notevolmente superiori rispetto ad altre forme di unione che si vogliono far passare per famiglia. C’è gratitudine per chi con tante difficoltà e fatica ma anche con grande positività vive questa realtà. C’è preoccupazione per la sordità dei responsabili della cosa pubblica nei confronti di politiche fiscali e di armonizzazione tra i tempi del lavoro e quelli della famiglia”.