Cei

Ultimi contenuti per il percorso 'Cei'

«Un clima di piena libertà. Il Papa ha messo tutti a nostro agio. E quindi non c'era nessuna soggezione ad intervenire». A raccontare al Sir cosa è successo ieri pomeriggio nell'Aula del Sinodo dopo l'intervento del Papa in apertura della 66ª Assemblea plenaria dei vescovi italiani, è monsignor Marco Arnolfo, neo-arcivescovo di Vercelli, alla sua prima esperienza a Roma ad una assemblea della Cei.

La Chiesa in Italia sia vicina alle famiglie, ai disoccupati e ai migranti. A chiederlo è stato oggi papa Francesco che ha aperto, in Vaticano, i lavori della 66ª Assemblea della Cei, chiamata a discutere le proposte di emendamenti dello Statuto e del Regolmaneto, e gli «Orientamenti per l'annuncio e la catechesi in Italia». testo integrale e video integrale

 «Questa sua presenza è grazia per la nostra assemblea e per i lavori che, sotto la sua presidenza, ci accingiamo ad aprire». Così il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, ha accolto oggi pomeriggio Papa Francesco, che ha aperto - con il suo discorso - i lavori della 66ª assemblea generale della Cei (Vaticano, 19-22 maggio).

Il 1° maggio «resta una giornata di lotta, non contro, ma pro, tutti insieme, sempre necessaria, per la tragedia crescente di questa crisi». E' quanto si legge nel messaggio perla giornata del primo maggio diffuso oggi dalla Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, sul tema: «Nella precarietà, la speranza».

Si apriranno il 30 aprile le selezioni di 4 giovani volontari che intendano vivere e raccontare un'esperienza di vita vera, un mese al servizio degli ultimi, dei dimenticati, alla fine del mondo. La Conferenza episcopale italiana ha avviato il progetto «In un altro mondo», un contest per avvicinare i giovani al mondo della Chiesa in generale ed al mondo delle missioni e dell'aiuto al prossimo in particolare.

«La decisione con la quale il Tribunale di Grosseto ha disposto la trascrizione, nei registri di stato civile del Comune, di un matrimonio contratto all'estero fra persone dello stesso sesso suscita gravi interrogativi e non poche riserve». È quanto si legge in una dichiarazione della Presidenza della Cei in merito alla decisione del Tribunale di Grosseto di far trascrivere nei registri di stato civile del Comune un matrimonio contratto all'estero fra persone dello stesso sesso.

«Offrire punti di riferimento per orientare scelte concordi nelle Chiese particolari che vivono in Italia, in attuazione della normativa ecclesiastica vigente». È l'obiettivo della Nota pastorale «L'Ordo Virginum nella Chiesa in Italia» (per il testo integrale: clicca qui), resa nota dalla Commissione episcopale Cei per il clero e la vita consacrata e già annunciata, nei giorni scorsi, dal comunicato finale del Consiglio episcopale permanente, che l'ha approvata come documento che «offre orientamenti e indicazioni per elaborare criteri comuni e attivare prassi condivise».

Cei