Concistoro

Ultimi contenuti per il percorso 'Concistoro'

Il Cardinale Arcivescovo di Siena- Colle Val D’Elsa- Montalcino, Augusto Paolo Lojudice racconta la nuova missione nella Chiesa che gli ha affidato Papa Francesco in un numero speciale di Toscana Oggi. "Stupore, meraviglia, gratitudine: sono questi alcuni dei sentimenti che abitano la mia mente e il mio cuore in questo tempo, in questi giorni, in queste settimane".

Nel Concistoro che si è appena concluso il Papa ha nominato tredici nuovi 'principi' della Chiesa. Tra questi anche l’Arcivescovo di Siena- Colle Val D’Elsa- Montalcino, il card. Paolo Lojudice. 

“Tutti noi vogliamo bene a Gesù, tutti vogliamo seguirlo, ma dobbiamo essere sempre vigilanti per rimanere sulla sua strada”. È cominciata con questo invito la parte finale dell’omelia pronunciata dal Papa nella Messa per il Concistoro per la creazione di 13 nuovi cardinali, in corso nella basilica di San Pietro con alcune restrizioni rese necessarie dall’emergenza sanitaria in corso.

Il 28 giugno si terrà il quinto Concistoro indetto da Francesco in cinque anni di pontificato. Ecco il «volto» delle nuove porpore, che faranno salire a 227 cardinali, di cui 125 elettori e 102 non elettori, il Collegio cardinalizio. 53 provengono dell’Europa, 17 dall’America del Nord, 5 dall’America Centrale, 13 dall’America del Sud, 16 dall’ Africa, 17 dall’Asia e 4 dall’Oceania.

Al temine del Regina coeli, il Papa ha annunciato che il prossimo 29 giugno terrà un concistoro per 14 nuovi cardinali. Tra questi, oltre al sostituto alla Segreteria di Stato, mons. Angelo Becciu e al suo vicario a Roma, mons. Angelo De Donatis, anche l'arcivescovo de l'Aquila, mons. Giuseppe Petrocchi e il patriarca caldeo di Babilonia Louis-Raphael I Sako. Cardinali anche tre ultra ottantemnni: un arcivescovo, un vescovo e un religioso «che si sono distinti per il loro servizio alla Chiesa».