Cristiani perseguitati

Ultimi contenuti per il percorso 'Cristiani perseguitati'

Udienza generale in due tempi, oggi, con il saluto ai malati e disabili in Aula Paolo VI e poi catechesi in piazza San Pietro, flagellata dalla pioggia. Commentando il brano degli Atti con Aquila e Priscilla, ha parlato delle persecuzioni contro i cristiani, mai cessate, ma anche di quella che sta riemergendo contro gli ebrei.

«Lo sguardo misericordioso del Signore ci raggiunge prima che noi stessi ci rendiamo conto di averne bisogno per essere salvati. E con questo sguardo del divino Maestro comincia il miracolo della conversione del peccatore». Lo ha spiegato il Papa, durante l'Angelus di ieri, incentrato sulla figura di Zaccheo. 

«La carta di identità del cristiano sono le beatitudini». Lo ha detto Papa Francesco celebrando ieri pomeriggio la Messa nella Commemorazione di tutti i defunti alle Catacombe di Priscilla a Roma. Alla sua prima celebrazione in una catacomba, Bergoglio non ha mancato di ricordare tutti quei cristiani di ieri e di oggi che sono costretti «a nascondersi» perché perseguitati.

«Perseguitati più che mai. Focus sulla persecuzione anticristiana tra il 2017 e il 2019»: è il titolo della ricerca della Fondazione di diritto pontificio «Aiuto alla Chiesa che soffre» (Acs), presentata, giovedì 24 ottobre, a Roma, nella basilica di san Bartolomeo all'Isola, il santuario dei nuovi martiri del XX e XXI secolo. Dalla ricerca emerge che «sono quasi 300 milioni i cristiani che vivono in terre di persecuzione».

Far dialogare il racconto evangelico con il grido che oggi sale dall'Amazzonia. È quanto avverrà domani, durante la Via Crucis che si terrà alle 8.30 a Roma. Leader indigeni, padri sinodali ed esperti arrivati da ogni parte del mondo per partecipare al Sinodo per l'Amazzonia ripercorreranno insieme le stazioni della passione e morte di Gesù su via della Conciliazione, nel tragitto che collega Castel Sant'Angelo a piazza San Pietro.