Firenze 2015

Ultimi contenuti per il percorso 'Firenze 2015'

È andato dritto al sodo il cardinale Angelo Bagnasco, nella prolusione (testo integrale), che ha aperto il Consiglio episcopale permanente, chiarendo, ancora una volta, che «insinuare contrapposizioni e divisioni» tra i vescovi «significa non amare né la Chiesa né la famiglia». Già, perché la Chiesa italiana è impegnata a vivere «il frutto più prezioso» del Convegno ecclesiale di Firenze: la «sinodalità». 

Papa Francesco ha ricevuto oggi in udienza nel Palazzo Apostolico l’Arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori. Il cardinale ha consegnato al Papa il volume fotografico «Firenze sulle orme di Francesco» e l’offerta per la carità del Papa raccolta in occasione della Messa celebrata il 10 novembre scorso allo Stadio Artemio Franchi in occasione del 5° Convegno Ecclesiale Nazionale.

A giugno la Chiesa fiorentina andrà a Roma per il pellegrinaggio giubilare diocesano, ma anche per ricambiare la visita che Papa Francesco ha fatto alla città in occasione del Convegno ecclesiale nazionale, lo scorso 10 novembre. Lo ha annunciato il cardinale Giuseppe Betori incontrando, questa mattina, i giornalisti per il consueto scambio di auguri natalizi.

«Il modo migliore per ripensare al Convegno di Firenze e per dargli attuazione concreta è farlo alla luce del trinomio che voi stessi, riprendendo il discorso del Papa, avete posto a tema. Umiltà, disinteresse e beatitudine: sono i tre atteggiamenti che hanno segnato la vita di Gesù e che tracciano il percorso che siamo chiamati a seguire, in fedeltà al mandato cristiano e al pressante invito di Papa Francesco». Lo ha detto, ieri sera, monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, intervenendo in un incontro sul dopo Firenze, promosso dal Centro San Lodovico, con il vicariato del Valdarno Aretino della diocesi di Fiesole e l’Azione Cattolica diocesana, alla Collegiata di San Lorenzo a Montevarchi.