Firenze 2015

Ultimi contenuti per il percorso 'Firenze 2015'

Due frecce che indicano la croce di Cristo, e che con la loro curvatura ricordano la forma della cupola di Santa Maria del Fiore. Sotto, cinque frecce di vari colori rivolte verso l’esterno. È il logo che ha vinto il concorso indetto dal comitato organizzatore, e che diventerà quindi il logo ufficiale del Convegno ecclesiale nazionale di Firenze 2015.

«Abbiamo fatto la richiesta perché il Papa venga all'apertura e la proposta è stata presa in considerazione». Così monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino e presidente del Comitato preparatorio, ha descritto ai giornalisti l'attesa di Papa Francesco per l'apertura dei lavori del quinto Convegno ecclesiale nazionale, in programma a Firenze dal 9 al 13 novembre 2015.

«Work in progress»: la riflessione della Chiesa italiana sulla vita e la formazione dei presbiteri continua. È quanto si legge nel comunicato finale della 67ma Assemblea generale della Cei, conclusasi oggi ad Assisi, in cui si annuncia «l'avvio o, comunque, la ripresa di un percorso di riflessione e confronto collegiale» sul tema, da qui a maggio 2016.

L’Arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori esprime il suo ringraziamento a Papa Francesco per la notizia giunta oggi da Assisi, in occasione dell’Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana, tramite il presidente Angelo Bagnasco, che il Papa sarà a Firenze per il Convegno Ecclesiale Nazionale del 2015, la data precisa è ancora da stabilire.

«È irresponsabile indebolire la famiglia, creando nuove figure per scalzare culturalmente e socialmente il nucleo portante della persona e dell'umano». È il monito che viene dal cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, che nella prolusione (testo integrale) con cui ha aperto, oggi pomeriggio ad Assisi, i lavori della 67ª Assemblea generale dei vescovi».

Un concorso per realizzare il logo del 5° Convegno ecclesiale nazionale (Firenze 2015). A lanciarlo, con lo slogan «Un logo per Firenze 2015… il tuo!», sono il Comitato preparatorio dell'evento e l'Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei.