Giovanni Paolo II

Ultimi contenuti per il percorso 'Giovanni Paolo II'

Possa l’eredità spirituale di San Karol Wojtyla continuare a “fecondare il grande campo della Chiesa” e “sostenere il suo cammino nella storia”. E’ l’auspicio che Papa Francesco ha espresso incontrando i membri della Fondazione Giovanni Paolo II. Nel corso dell’udienza, il Pontefice ha espresso soddisfazione per tutte le “iniziative di carattere educativo” portate avanti “in favore dei giovani”, così come pure per le opportunità offerte a sacerdoti e laici per “arricchire la loro formazione” e “per essere più preparati ad accompagnare le comunità nel confronto con le sfide culturali e pastorali dei nostri giorni”.

La storia di Benedetta, arrabbiata con Dio e con la Chiesa fino all’incontro con Giovanni Paolo II.
Una figura che le ha cambiato la vita per sempre, anche se non lo ha mai conosciuto di persona.

San Giovanni Paolo II ci aiuta ad essere dei viandanti risorti. Siamo pellegrini ma non randagi, perché sappiamo dove andare, perché la speranza fondata su Cristo è la nostra guida. Lo ha detto Papa Francesco domenica mattina celebrando la messa nella chiesa dove a Roma si raduna la comunità polacca. Una messa di ringraziamento per la canonizzazione di una settimana fa. E Papa Francesco nell'omelia ha sottolineato che Giovanni Paolo II nella sua vita, durante diversi momenti, si recava molto spesso in questa chiesa per raccogliersi in preghiera.

La celebrazione per la canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II (27 aprile 2014). Fin dalle prime ore dell'alba, una moltitudine di fedeli - almeno 800mila persone - si è radunata in piazza San Pietro, in via della Conciliazione, nelle zone adiacenti fin oltre Castel S. Angelo. Oltre 800 i concelebranti, tra questi - evento senza precedenti - il Papa emerito Benedetto XVI, accolto da un lungo applauso al suo ingresso sul sagrato. "San Giovanni XXIII e san Giovanni Paolo II - ha detto Papa Francesco - hanno avuto il coraggio di guardare le ferite di Gesù, di toccare le sue mani piagate e il suo costato trafitto". Ed ancora: "San Giovanni XXIII ha dimostrato una delicata docilità allo Spirito Santo, si è lasciato condurre ed è stato per la Chiesa un pastore, una guida-guidata, guidata dallo Spirito. Questo è stato il suo grande servizio alla Chiesa; per questo a me piace pensarlo come il Papa della docilità allo Spirito Santo. In questo servizio al Popolo di Dio, san Giovanni Paolo II è stato il Papa della famiglia. Così lui stesso, una volta, disse che avrebbe voluto essere ricordato, come il Papa della famiglia. Mi piace sottolinearlo mentre stiamo vivendo un cammino sinodale sulla famiglia e con le famiglie, un cammino che sicuramente dal Cielo lui accompagna e sostiene".

«Torno da Roma con una certezza: i due #Papi, Santi tra gli uomini,testimoni di Chiesa amata da popolo. Saldo loro legame a tradizione e vita». Questo il tweet dell'Arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori, che oggi è stato intervistato da Radio Toscana sulla Canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II.