Giovanni Paolo II

Ultimi contenuti per il percorso 'Giovanni Paolo II'

«Oggi siamo qui per dirgli: grazie! E soprattutto per raccogliere l'eredità e l'esempio della sua fede coraggiosa». Lo ha esclamato il cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica vaticana e vicario generale del Papa per lo Stato della Città del Vaticano, nell'omelia della Messa di ringraziamento celebrata oggi per la canonizzazione di Papa Wojtyla.

Davanti a circa 800 mila persone, giunte da tutto il mondo e a 35 delegazioni governative ai massimi livelli (122 quelle ufficiali), Papa Francesco ha proclamato santi due suoi predecessori. Assieme a lui ha concelebrato il papa emerito Benedetto XVI. Nell'omelia Francesco ha ricordato come Roncalli e Wojtyla siano stati uomini coraggiosi che non si sono piegati alle tragedie del XX secolo e che hanno aggiornato la Chiesa.

Al termine della messa di canonizzazione di san Giovanni XXIII e san Giovanni Paolo II, e prima della recita del Regina Caeli, Papa Francesco ha salutato e ringraziato tutti i presenti a "questa festa della fede", e i rappresentanti di 122 paesi venuti per rendere omaggio "a due Pontefici che hanno contribuito in maniera indelebile alla causa dello sviluppo dei popoli e della pace". Ha salutato in particolare i malati e gli anziani, verso i quali i nuovi santi erano particolarmente vicini, e invitato a pregare la vergine Maria, che san Giovanni XXIII e san Giovanni Paolo II hanno amato come suoi veri figli.

«San Giovanni XXIII e san Giovanni Paolo II hanno avuto il coraggio di guardare le ferite di Gesù, di toccare le sue mani piagate e il suo costato trafitto. Non hanno avuto vergogna della carne di Cristo, non si sono scandalizzati di Lui, della sua croce; non hanno avuto vergogna della carne del fratello (cfr Is 58,7), perché in ogni persona sofferente vedevano Gesù. Sono stati due uomini coraggiosi, pieni della parresia dello Spirito Santo, e hanno dato testimonianza alla Chiesa e al mondo della bontà di Dio, della sua misericordia».
Così Papa Francesco ha presentato alla Chiesa e al mondo i due nuovi santi, l'italiano Angelo Giuseppe Roncalli, Papa dal 1958 al 1963, e il polacco Karol Wojtyla.