Madonna

Ultimi contenuti per il percorso 'Madonna'

“Offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e profondamente ferito per la violenza dei tanti teatri di guerra ancora attivi”. Questo l’obiettivo del Rosario che Papa Francesco reciterà martedì prossimo, 31 maggio, alle 18 davanti alla statua di Maria Regina Pacis nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. 

“In unione con i vescovi e i fedeli del mondo, desidero solennemente portare al Cuore immacolato di Maria tutto ciò che stiamo vivendo: rinnovare a lei la consacrazione della Chiesa e dell’umanità intera e consacrare a lei, in modo particolare, il popolo ucraino e il popolo russo, che con affetto filiale la venerano come Madre”.

“Ricevere grandi saluti, onori e complimenti a volte rischia di suscitare vanto e presunzione. Ricordiamo che Gesù non è tenero con chi va alla ricerca dei saluti nelle piazze, dell’adulazione, della visibilità. Maria invece non si esalta, ma si turba; anziché provare piacere, prova stupore. Il saluto dell’angelo le sembra più grande di lei. Perché? Perché si sente piccola dentro, e questa piccolezza, questa umiltà attira lo sguardo di Dio”. Lo ha detto il Papa con i fedeli e i pellegrini riuniti in Piazza San Pietro all’Angelus della Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Grande partecipazione per la tappa a Pontassieve del “Pellegrinaggio di Maria”, iniziativa nazionale promossa dalla Famiglia Vincenziana che, in occasione del 190° anniversario delle apparizioni della Madonna della Medaglia Miracolosa a Santa Caterina di Labouré nella Rue du Bac a Parigi, sta visitando le comunità vincenziane in tutta Italia con la statua della Madonna.