Papa Francesco

Ultimi contenuti per il percorso 'Papa Francesco'

La Civiltà Cattolica pubblica una lunga intervista a Papa Francesco, curata dal direttore padre Antonio Spadaro. L’intervista, che esce contemporaneamente su altre 16 riviste della Compagnia di Gesù in tutto il mondo, è stata rilasciata dal Papa, nel suo studio privato a Santa Marta, nel corso di tre appuntamenti il 19, il 23 e il 29 agosto. In circa trenta pagine Jorge Mario Bergoglio traccia un identikit inedito di se stesso, che include anche le preferenze artistiche e culturali; primo Papa gesuita della storia spiega l’idea che ha della Compagnia di Gesù; analizza il ruolo della Chiesa oggi e indica le priorità dell’azione pastorale; affronta le domande che la società e l’antropologia contemporanea pongono all’annuncio del Vangelo.

Riflessione della Chiesa italiana sulle indicazioni di Papa Francesco all’Assemblea generale dello scorso maggio, le tappe del cammino verso il Convegno ecclesiale nazionale previsto a Firenze nel 2015, la preparazione di una nota pastorale sulla scuola cattolica in Italia: questi i temi principali all’esame del Consiglio Episcopale Permanente d‘autunno, in programma dal 23 al 25 settembre a Roma presso la sede della Cei.

Ci sono tanti modi per parlare della fede oggi. A tutti i livelli e con tutti gli interlocutori. C’è la bella enciclica Lumen fidei, concepita e redatta in larga misura da Benedetto XVI ed ereditata e completata da Papa Francesco. C’è la lettera, puntuale e intensa, che il Papa ha indirizzato a Eugenio Scalfari, in risposta a due editoriali da lui scritti su «Repubblica».

Le mamme insegnano ai propri figli a camminare nella vita, a rialzarsi quando si cade, sospinte dalla forza dell'amore. Allo stesso modo la Chiesa ci offre "gli insegnamenti per camminare bene" e il perdono di Dio quando ci si allontana dalla strada maestra. E' la riflessione resa oggi da Papa Francesco all'udienza generale. Alle migliaia di pellegrini radunate in piazza San Pietro, il Pontefice ha tratteggiato con infinita tenerezza l'immagine delle mamme nel mondo, donne che vegliano con pazienza sui primi passi dei figli, che accompagnano in ogni fase della vita, soprattutto nei momenti di difficoltà

Al termine dell'udienza generale di mercoledì 18 settembre il papa ha detto, tra l'altro: "Ogni anno, il 21 settembre, le Nazioni Unite celebrano la 'Giornata Internazionale della Pace', ed il Consiglio Ecumenico delle Chiese si appella ai suoi membri affinché in tale giorno preghino per la pace. Invito i cattolici di tutto il mondo ad unirsi agli altri cristiani per continuare ad implorare da Dio il dono della pace nei luoghi più tormentati del nostro pianeta. Possa la pace, dono di Gesù, abitare sempre nei nostri cuori e sostenere i propositi e le azioni dei responsabili delle Nazioni e di tutti gli uomini di buona volontà. Impegniamoci tutti a incoraggiare gli sforzi per una soluzione diplomatica e politica dei focolai di guerra che ancora preoccupano"

La «tragedia umana» in Siria «può essere risolta solo con il dialogo e la trattativa, nel rispetto della giustizia e della dignità di ogni persona, specialmente i più deboli e indifesi». A ribadirlo è stato il Papa, che prima dei saluti in lingua italiana, che come di consueto concludono l'udienza del mercoledì in piazza San Pietro, ha rivolto un «pensiero» speciale «alla cara popolazione siriana» e ha rivolto un pressante appello.

«L'università delle mamme è il proprio cuore, lì imparano a portare avanti i loro figli, e questo è bello!». Lo ha detto, a braccio, il Papa, che nella catechesi di oggi è tornato sull'immagine della Chiesa come madre, tema della scorsa udienza generale: «A me piace molto questa immagine - ha confessato agli oltre 40mila fedeli presenti in piazza S. Pietro - perché mi sembra che ci dica non solo come è la Chiesa, ma anche quale volto dovrebbe avere sempre di più la Chiesa, questa nostra Chiesa».