Papa Francesco

Ultimi contenuti per il percorso 'Papa Francesco'

"La lingua dello Spirito, la lingua del Vangelo è la lingua della comunione, che invita a superare chiusure e indifferenza, divisioni e contrapposizioni". Con questa riflessione Papa Francesco ha salutato le migliaia di persone che sono giunte in piazza San Pietro per il tradizionale incontro del mercoledì. "Dal fuoco della Pentecoste si sprigionano sempre nuove energie di missione, nuovo coraggio per evangelizzare": ha precisato il Pontefice, invitando tutti a non temere di abbandonarsi all'opera dello Spirito, che ci rende capaci di "testimoniare la nostra fede" e illumina "il cuore di chi incontriamo".

Il comandamento che Gesù ci ha dato è di fare il bene. Pertanto non è legittima la violenza in nome della religione. E la redenzione riguarda tutti, non solo chi crede in Gesù. Lo ha detto Papa Francesco nell'omelia della messa del mattino di oggi, mercoledì 22 maggio 2013.

«Evangelizzare è la missione della Chiesa, non solo di alcuni, ma la mia, la tua, la nostra missione». Lo ha detto il Papa, che nella catechesi dell'udienza generale di oggi ha ricordato le parole di san Paolo - «Guai a me se non annuncio il Vangelo!» - per ricordare che «ognuno deve essere evangelizzatore, soprattutto con la vita».

Con il vostro servizio quotidiano siete la mano di Dio che sazia la fame di ogni vivente. Con queste parole Papa Francesco si è rivolto alle Suore missionarie della Carità, fondate dalla Beata Teresa di Calcutta, durante la visita ieri pomeriggio (21 maggio 2013) alla Casa Dono di Maria, in Vaticano. La struttura gestita dalle Suore offre ospitalità a circa 25 donne e circa 60 uomini vi consumano i pasti quotidianamente. Papa Francesco ha ricordato che nella casa Dono di Maria si vive un'ospitalità aperta senza distinzione di nazionalità o di religione.

«Dobbiamo recuperare tutti il senso del dono, della gratuità, della solidarietà. Un capitalismo selvaggio ha insegnato la logica del profitto ad ogni costo, del dare per ottenere, dello sfruttamento senza guardare alle persone… e i risultati li vediamo nella crisi che stiamo vivendo». Così Papa Francesco, recatosi questa sera presso la Casa di accoglienza «Dono di Maria» in Vaticano, nel suo saluto alle Missionarie della carità, ai poveri assistiti e ai volontari.