Papa Francesco

Ultimi contenuti per il percorso 'Papa Francesco'

Accettare i peccatori, puntare alla santità. Lo ha detto papa Francesco nella catechesi dell'udienza generale in piazza san Pietro davanti a migliaia e migliaia di fedeli e pellegrini. La Chiesa, che è santa, non rifiuta i peccatori; al contrario li accoglie, è aperta anche ai più lontani, chiama tutti a lasciarsi avvolgere dalla misericordia, dalla tenerezza e dal perdono del Padre, che offre a tutti la possibilità di incontrarlo, di camminare verso la santità. Nella Chiesa, il Dio che incontriamo non è un giudice spietato, ma è come il Padre della parabola evangelica.

Con un chirografo, Papa Francesco ha istituito ieri il "Consiglio di cardinali", gruppo composto da otto porporati, i cui nomi sono stati resi noti il 13 aprile scorso. Oggi la prima riunione del Consiglio alla presenza del Pontefice. Le sessioni di lavoro proseguiranno fino a giovedì 3 ottobre. Con il chirografo di ieri si stabilisce formalmente che il Consiglio dei Cardinali aiuterà il Papa nel governo della Chiesa e nello studio di un progetto di revisione della Costituzione Apostolica Pastor Bonus sulla Curia Romana.

«Aiutare il Santo Padre nel governo della Chiesa universale e studiare un progetto di revisione della Costituzione apostolica Pastor Bonus sulla Curia Romana». Queste le due finalità principali del Consiglio dei Cardinali, istituito oggi dal Papa con un apposito chirografo, che formalizza quanto già annunciato il 13 aprile scorso - a un mese esatto dalla sua elezione a successore di Pietro.

«Diciamo con forza, tutti, continuamente, che non può esservi alcuna giustificazione religiosa alla violenza, in qualsiasi modo essa si manifesti». Lo ha chiesto oggi Papa Francesco incontrando in Vaticano i circa 400 leader religiosi ed esponenti del mondo politico e della cultura, che stanno partecipando a Roma all'incontro internazionale per la pace promosso nello Spirito di Assisi dalla Comunità di Sant'Egidio.

Il mondo ha ancora bisogno dello spirito di pace e dialogo tra le religioni che ha animato lo storico incontro di Assisi del 1986. lo ha ribadito papa Francesco incontrando i Rappresentanti delle Chiese, delle Comunità ecclesiali e delle grandi Religioni, riuniti in questi giorni a Roma dalla Comunità di S. Egidio. Non possiamo assistere indifferenti e impotenti al dramma di bambini, famiglie, anziani, colpiti dalla violenza.

«Comunicazione al servizio di un'autentica cultura dell'incontro». È il tema del messaggio del Papa per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali 2014. Lo rende noto il Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali (Pccs) in una nota diffusa oggi, in cui viene spiegato il senso di tale scelta. «L'essere umano - si legge - si esprime soprattutto nella capacità di comunicare.

Un invito a fuggire «la Chiesa del funzionalismo». A rivolgerlo è stato il Papa, che nell'omelia della messa celebrata oggi a Santa Marta ha ricordato che «i discepoli volevano l'efficacia, volevano che la Chiesa andasse avanti senza problemi e questo può diventare una tentazione per la Chiesa: la Chiesa del funzionalismo! La Chiesa ben organizzata! Tutto a posto, ma senza memoria e senza promessa!».