Papa Francesco

Ultimi contenuti per il percorso 'Papa Francesco'

Un po' di misericordia renderebbe il mondo meno freddo e più giusto. E' una piazza san Pietro in festa e variopinta ad abbracciare Papa Francesco per il suo primo angelus dalla finestra del Palazzo Apostolico. E il Pontefice venuto da molto lontano ricambia questa accoglienza e ricorda l'infinita misericordia di Dio Padre. A quanti si sono radunati entro il colonnato berniniano, esteso fino ai confini del mondo, grazie a televisione e radio, Papa Francesco ha parlato della pazienza di Dio con i suoi figli, dell'esempio di Gesù, che non ha mai parole di disprezzo e di condanna ma soltanto di amore e di misericordia.

Papa Francesco ha ritrovato la folla dei fedeli delle grandi occasioni in una piazza che ha sottolineato il Santo Padre, ''grazie ai media, ha le dimensioni del mondo''. Ha commentato il Vangelo della quinta domenica di Quaresima, che presenta l'episodio della donna adultera, che Gesù salva dalla condanna a morte.

Il Signore non si stanca mai di perdonare, siamo noi che rinunciamo a chiedere la sua misericordia. Il nuovo Vescovo di Roma celebra la santa messa nella parrocchia vaticana di Sant'Anna e ricorda ai presenti che Gesù si è fatto uomo per portare nel cuore di tutti la misericordia infinita di Dio. Nella semplicità e spontaneità di un pastore tra il suo gregge nel giorno del Signore, Papa Bergoglio ha commentato l'episodio evangelico del perdono concesso da Gesù all'adultera e ha precisato che anche a noi oggi piace ascoltare la parola del Figlio di Dio, ma, allo stesso tempo, a volte, "ci piace bastonare e condannare gli altri".

«Come vorrei una chiesa povera e per i poveri!». Così papa Francesco nel corso del suo discorso con il mondo dell'informazione nell'aula Paolo VI in Vaticano. Papa Francesco ha rivelato ai 6 mila giornalisti presenti anche alcuni particolari sul conclave e sul perché si è voluto chiamare Francesco, prendendo il nome del poverello di Assisi. VIDEO

"Non cediamo mai al pessimismo, a quell'amarezza che il diavolo ci offre ogni giorno. Abbiamo la ferma certezza che lo Spirito Santo dona alla Chiesa il coraggio di perseverare e anche di cercare nuovi metodi di evangelizzazione per portare il Vangelo fino agli estremi confini della terra". Papa Francesco incontra i cardinali di tutto il mondo e li esorta a tornare nelle rispettive sedi con tutto l'entusiasmo e la gioia dei giorni trascorsi a Roma. Accolto da un caloroso applauso, il Pontefice ha passato in rassegna alcuni momenti di questi giorni carichi di eventi, ringraziando quanti, vicini e lontani, gli hanno espresso solidarietà e hanno pregato per Lui.