Religiosi

Ultimi contenuti per il percorso 'Religiosi'

Si è spenta all'età di 92 anni Suor Maria Francis, la suora australiana che 40 anni fa partì da Melbourne per fondare a Tavarnelle Val di Pesa il Monastero delle Carmelitane Scalze, nel borgo del Morrocco, sul crinale del Comune di Barberino Tavarnelle. «Una donna piena di vita, allegra, socievole e dinamica con una visione aperta e inclusiva nelle relazioni con le persone e l'ambiente circostante». Così la ricordano le tre suore che per anni hanno affiancato Suor Maria, accompagnandola sin dal suo insediamento nel complesso religioso del Morrocco, avvenuto nel 1982.

«Grazie a voi, per il servizio alla missione della Chiesa, vissuto con passione e generosità, nella fedeltà alle intuizioni evangeliche del vostro comune fondatore, il Cardinale Lavigerie». È l'omaggio del Papa ai Missionari d'Africa (Padri Bianchi) e alle Suore Missionarie di Nostra Signora d'Africa (Suore Bianche), in occasione della celebrazione del 150° anniversario della fondazione delle due congregazioni religiose.

Commentando la notizia secondo cui padre Paolo Dall'Oglio,il gesuita sequestrato il 29 luglio 2013 a Dacca, sarebbe ancora nelle mani dell'Isis, il direttore ad interim della Sala Stampa vaticana ha ricordato che il Papa ha incontrato nei giorni scorsi i familiari e che si continua ancora a pregare perché il gesuita sia vivo.

«È in questo nostro tempo abbruttito da forme palesi di negazione dei diritti umani, rifiuto del diverso, odio, razzismo e volgarità, che Dio ci chiama ad ‘alzarci in piedi' per dare oggi ‘voce' e concretezza al dono della nostra vita, affinché la luce della Speranza e della Profezia continuino a risplendere nella storia dell'Umanità». È quanto si legge in una nota dell'Unione superiore maggiori d'Italia (Usmi), in occasione della XXIII Giornata mondiale della vita consacrata che si celebra il 2 febbraio.

«Dio vi ha fondati come Gesuiti: questo giubileo è un momento di grazia per fare memoria e sentirvi con la Chiesa, in una Compagnia e in un'appartenenza che hanno un nome: Gesù». È il saluto del Papa alla comunità del Collegio internazionale del Gesù di Roma, ricevuti oggi in udienza nella Sala del Concistoro, in occasione dei 50 anni del Collegio.