Religiosi

Ultimi contenuti per il percorso 'Religiosi'

San Benedetto «seppe discernere tra l'essenziale e il secondario nella vita spirituale, ponendo saldamente al centro il Signore. Possiate anche voi, suoi figli in questo nostro tempo, praticare il discernimento per riconoscere ciò che viene dallo Spirito Santo e ciò che viene dallo spirito del mondo o dallo spirito del diavolo». È l'augurio espresso da Papa Francesco ai monaci della Confederazione benedettina, ricevuti questa mattina in occasione del 125° anniversario della fondazione della Confederazione e della posa della prima pietra della Badia Primaziale di Sant'Anselmo a Roma.

«La Vita consacrata in Toscana in ascolto e dialogo con i suoi Pastori». È questo il titolo della giornata che si è svolta a Loppiano lunedì 19 febbraio. Durante l’incontro il vescovo di Fiesole Mario Meini, vicepresidente della Cei, ha tenuto una relazione su «Il ruolo profetico della vita consacrata; interrogativi e punti di vista diversi». Pubblichiamo una sintesi del suo intervento.

Il nuovo impianto di illuminazione per la sala d’ingresso e il refettorio dell'abbazia è stato realizzato grazie alla collaborazione tra Enel, Lions Club International e Comunità dei Monaci Vallombrosani. Particolare attenzione è stata dedicata all’illuminazione artistica dell’affresco del Cenacolo di Domenico Ghirlandaio.

«Non sempre chi annuncia il Vangelo è accolto, applaudito. A volte è rifiutato, ostacolato, perseguitato, addirittura imprigionato o ucciso». «Allora bisogna perseverare, avere pazienza, ma non dobbiamo aver paura di niente nel testimoniare Gesù e la sua parola di Verità». Lo ha affermato questa mattina Papa Francesco ricevendo in udienza, nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico, i partecipanti al XXXVII Capitolo generale della Congregazione delle Sacre Stimmate di Nostro Signore Gesù Cristo (Stimmatini). 

«Gli anziani ricevono dai giovani, i giovani attingono dagli anziani». Celebrando, questo pomeriggio nella basilica di S. Pietro, la Messa per la Giornata mondiale della vita consacrata, il Papa è tornato nell’omelia su un tema a lui caro, al centro anche di quella che nell’Oriente cristiano è detta la «Festa dell’incontro».