Sacerdoti

Ultimi contenuti per il percorso 'Sacerdoti'

Pubblicate oggi, con un motu proprio del Papa le linee guida in caso di abusi sui minori. Alle vittime assistenza terapeutica e psicologica d'urgenza. Informare le vittime su esiti del processo. Istituito servizio di accompagnamento.Multa per chi non denuncia. Prescrizione del reato è di vent'anni. Obbligo di denuncia e rimozione dagli incarichi. Presunzione di innocenza deve essere sempre garantita. Le persone vulnerabili sono equiparate ai minori.

nel volume «Consapevolezza e purificazione. Atti dell'Incontro per la Tutela dei minori nella Chiesa» tutti gli interventi pronunciati durante il summit. In particolare, la sintesi del moderatore si basa sui resoconti - ricchi e puntuali benché brevi - consegnati per iscritto da ciascun gruppo (4 di lingua inglese, 2 di lingua francese, 2 di lingua spagnola, 3 di lingua italiana). 

«Non dobbiamo mai cessare di metterci reciprocamente in guardia dalla tentazione dell'autosufficienza e dell'autocompiacimento, quasi fossimo Popolo di Dio per nostra iniziativa o per merito nostro. Questo ripiegamento su noi stessi è molto brutto e ci farà male sempre: sia l'autosufficienza nel fare o il peccato dello specchio, l'autocompiacimento». Lo ha detto Papa Francesco incontrando ieri mattina, nella Basilica Papale di San Giovanni in Laterano, i parroci e i sacerdoti della diocesi di Roma per il tradizionale appuntamento di inizio Quaresima.

Un nuovo Motu Proprio del Papa «sulla protezione dei minori e delle persone vulnerabili», per «rafforzare la prevenzione e il contrasto contro gli abusi nella Curia Romana e nello Stato della Città del Vaticano». Ad annunciarne l’imminente pubblicazione, durante l’ultimo briefing dell’incontro in Vaticano su «La protezione dei minori nella Chiesa», è stato il moderatore, padre Federico Lombardi. 

Nella Sala Regia, dopo la Messa, Papa Francesco ha pronunciato un discorso a conclusione dell’Incontro su «La protezione dei minori nella Chiesa». Il Pontefice ha condannato questi «crimini abominevoli» che coinvolgono milioni di bambini nel mondo, forme di abuso e sfruttamento dietro cui si nasconde la «mano del male», che «non risparmia neanche l’innocenza dei piccoli».

Uno «sportello di ascolto» in ogni diocesi, per permettere alle vittime di procedere alla denuncia. A proporlo è stato mons. Charles Scicluna, arcivescovo di Malta e segretario aggiunto della Congregazione per la dottrina della fede, nel terzo briefing dell’incontro in Vaticano su «La protezione dei minori della Chiesa».

«Gli abusi sessuali nei confronti di bambini e di giovani sono in non lievi misura dovuti all’abuso di potere nell’ambito dell’amministrazione». Ne è convinto il card. Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, presidente della Conferenza episcopale tedesca e coordinatore del Consiglio per l’Economia, che ha tenuto la seconda relazione della terza giornata dell’incontro in Vaticano su «La protezione dei minori nella Chiesa».