Santi e beati

Ultimi contenuti per il percorso 'Santi e beati'

«Ella condivise la ferita del Cuore di Gesù, rispondendo alle ostilità e al disprezzo con la carità». Lo ha detto il card. Giovanni Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, nell’omelia della Messa di beatificazione di Clelia Merloni, fondatrice delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù, che ha celebrato questa mattina nella Basilica di San Giovanni in Laterano.

Dal 1989 Clelia Merloni (1861-1930), fondatrice delle Apostole del Sacro Cuore, è Serva di Dio. Ora il prossimo sabato 3 novembre, in San Giovanni in Laterano a Roma, sarà beatificata. Questo evento riguarda da vicino la Toscana perché proprio a Viareggio Madre Clelia nel 1894 fondò la sua famiglia religiosa che oggi conta un migliaio di suore sparse nel mondo: in Italia, negli Stati Uniti, in Brasile, Messico, Argentina, Svizzera, Albania, Mozambico, Cile, Uruguay, Paraguay, Benin, Filippine e Taiwan. 

«Perché la Chiesa ci invita a pregare i santi? Perché rivolgersi a loro anziché direttamente a Dio?», ci chiede un lettore. Una domanda particolarmente attuale in questi giorni. Risponde don Diego Pancaldo, docente di Teologia spirituale alla Facoltà teologica dell'Italia Centrale.

Proclamati sette nuovi santi, a cominciare da Paolo VI e Oscar Arnulfo Romero. «Profeta di una Chiesa estroversa che guarda ai lontani e si prende cura dei poveri»: così Francesco ha definito il quarto Papa Santo del Novecento. A braccio alcune parole su Nunzio Sulprizio, «il nostro ragazzo napoletano, il santo giovane, coraggioso, umile, che ha saputo incontrare Gesù nella sofferenza, nel silenzio e nell’offerta di sé stesso».

Domenica 14 ottobre, alle 10,30, in piazza San Pietro, la celebrazione presieduta dal Papa per la canonizzazione di Giovan Battista Montini e di Oscar Arnulfo Romero. Papa Montini salvò il Concilio dalle spinte regressive e riuscì a traghettare la Chiesa da una chiusura secolare all’apertura al mondo. I suoi gesti e i suoi viaggi, dall’abbraccio ad Athenagoras al discorso all’Onu hanno tracciato la strada anche per i pontificati venuti dopo.