Sinodo dei vescovi

Ultimi contenuti per il percorso 'Sinodo dei vescovi'

Rispondendo alle domande dei giornalisti durante il briefing di oggi in sala stampa vaticana sia il card. Gualtiero Bassetti, che Paolo Ruffini hanno confermato che «Al Sinodo di abusi se ne parla, e anche in maniera esaustiva» e che il tema sarà presente nel documento finale che verrà presentato domattina e che poi potrà essere ancora modificato nella giornata di domani per poi essere votato, numero per numero, sabato mattina.

Sono circa 300, tra padri sinodali, uditori del Sinodo e ragazzi provenienti da alcune parrocchie della città di Roma, i partecipanti al pellegrinaggio lungo la Via Francigena, partito questa mattina, alle 8.30, dal Cento Don Orione di via della Camilluccia. L'arrivo in piazza San Pietro è previsto alle 11.30, mezz'ora dopo inizierà la Messa all'Altare della Cattedra.

«Il Sinodo non è un Sinodo sulla sessualità, ma sui giovani, su come possono essere accompagnati dalla Chiesa». A precisarlo è stato il card. Reinhard Marx, arcivescovo di München e Freising e presidente della Conferenza episcopale tedesca, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla possibilità dell'introduzione del termine Lgbt, nel documento finale del Sinodo dei vescovi sui giovani. Nel corso del briefing è stato anche confermato che il documento finale verrà pubblicato.

Incontrando gli anziani e i giovani di tutto il mondo, nell'ambito del Sinodo e in occasione dell'uscita del libro «La saggezza del tempo», il Papa ha parlato a braccio per più di un'ora rispondendo alle loro domande. L'ultima gliel'ha posta il regista Martin Scorsese. Tra i temi politici, un monito contro l'insorgere dei «populismi» e un forte appello all'Europa, perché affronti tutta insieme la questione dell'accoglienza dei migranti.

«Abbiamo fallito lo scopo di preparare un mondo vivibile per i giovani, dove ci sia la possibilità per loro di esprimere i propri talenti». Non ha usato mezzi termini mons. Paolo Bizzeti, vicario apostolico di Anatolia, nel fare e chiedere un «mea culpa» rispondendo ad una domanda: «Che mondo abbiamo creato per i giovani?». Il calendario dell'ultima settimana di Sinodo.